Roberto Catania

-

Xiaomi ha presentato Mi 8, lo smartphone top di gamma che insieme al Mi Mix 2 e il Mi Mix 2S punta a essere una delle migliori alternative a basso costo all'iPhone X e a tutti i vari dispositivi di fascia alta. Il prodotto che arriverà in due versioni differenti - una standard e una Explorer Edition - si fa notare per almeno 7 caratteristiche chiave. 

  • Il caratteristico design del lato posteriore, basato su una cover in vetro trasparente che mette a nudo la componentistica interna (in realta si tratterebbe solo di una stampa).

  • Un gigantesco schermo da 6,21 pollici Amoled che ricopre quasi tutta la parte frontale del dispositivo, a eccezione di una striscia posteriore e dell’immancabile “notch” sulla parte alta del dispositivo.

  • Un sistema di riconoscimento facciale basato sulla scansione 3D molto simile a quello utilizzato da Apple per il suo iPhone X.

  • Un lettore di impronte digitale che nel modello Explorer Edition sarà collocato proprio sotto lo schermo grazie a una tecnologia che ricorda molto da vicino quella utilizzata da Vivo per i suoi Xplay7 e X20.

  • Un processore Snapdragon 845 con GPU Adreno 630 (e 6 GB di RAM interna), stato dell’arte della tecnologia Qualcomm nel settore telefonia

  • Una doppia fotocamera posteriore con sensore 12 megapixel (da 1.4um pixel di grandezza) e ottica f/1.8.

  • Un GPS a doppia frequenza che promette un accuratezza da tre a cinque volte maggiore rispetto alle soluzioni tradizionali.

Le analogie con l’iPhone X

Oltre al design a tutto schermo con il grande notch sulla parte superiore, il nuovo Mi 8 è anche il primo smartphone Android a utilizzare un sistema di riconoscimento facciale 3D. I dettagli del funzionamento dello scanner integrato non sono stati ancora rivelati, tuttavia dalle prime immagini si notano due sensori all’interno del notch molto simili a quelli impiegati da Apple per la sua fotocamera TrueDepth.

Dall’iPhone X, il nuovo Mi 8 ha mutuato anche gli effetti ritratto da generare attraverso la fotocamera principale (che qui si chiamano Studio Lighting) e le emoji animate che ricordano molto da vicino le animoji.

Di ispirazione cupertiniana anche la scelta di creare una terza versione del dispositivo contrassegnata con la sigla "SE". Il Mi8 SE, questa la denominazione completa, sarà uno smartphone più essenziale caratterizzato da schermo da 5,98 pollici, system on chip Snapdragon 710 e doppia fotocamera posteriore da 12 e 5 megapixel.

Disponibilità e prezzo

Xiaomi Mi8 sarà disponibile in Cina dal prossimo 5 giugno, in tre differenti tagli di memoria, da 64, 128 e 256 GB, al prezzo rispettivamente di 2.699 Yuan (circa 360 euro), 2.999 Yuan (circa 400 euro) e 3.299 Yuan (circa 440 euro).

Per la versione più lussuosa, il Mi8 Explorer Edition, i prezzi salgono invece fino a 3.699 yuan (circa 500 euro), mentre per il modello economico, Mi8 SE, il prezzo si aggirerà intorno ai 1.799 yuan (circa 240 euro).

Disponibilità e prezzi per l’Italia verranno comunicati nelle prossime settimane.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Xiaomi Mi6: tutto quello che c’è da sapere

Design, caratteristiche, prezzo, date: ecco come sarà il nuovo smartphone di punta della casa cinese

Xiaomi Redmi Note 4X, tanta RAM a poco prezzo

L’ultimo Android phone della casa cinese si presenta con un pedigree di razza, impreziosito da ben 4 “giga” di RAM. Il costo si preannuncia invitante

Xiaomi Mi Mix: tre motivi per comprarlo (e tre per non farlo)

Uno smartphone taglia XXL che sfrutta la pressoché totale assenza di cornici per offrire un’esperienza a tutto schermo. I difetti, però, non mancano

Commenti