Smartphone & Tablet

Il 2020 sarà l'anno di Samsung Galaxy S20

Sembra certo il salto in avanti dei coreani, che per il prossimo top di gamma al numero 11 preferiscono la cifra tonda in linea con il calendario

Samsung S10 nuovo smartphone prova video

Alessio Caprodossi

-

Quanto conta la fortuna nella vita di un uomo è l'interrogativo che si pone il protagonista di Match Point, film diretto da Woody Allen, consapevole che la buona sorte vada cercata e stimolata. Alle nostre latitudini, tuttavia, l'attenzione è rivolta maggiormente verso la sfortuna, da tenere alla larga attraverso riti e abitudini tramandati nel tempo, che ci danno la sicurezza di allontanare gli spiriti negativi in favore di un futuro roseo, o almeno tranquillo. Nell’ampio ventaglio degli elementi portatori di buone nuove oppure oscuri presagi rientrano i numeri, cioè l’opportunità di utilizzarli o ancor più evitarli, in una visione popolare valida per ogni aspetto della vita. Incluso il lancio sul mercato di un nuovo prodotto, come dimostra il rapporto dei cinesi con il numero quattro, la cui pronuncia è simile a quella del termine “morte”, motivo più che valido per evitarlo, sempre e comunque (capita così che in ascensore si passi dal terzo al quinto piano, perché il quarto non esiste).

Anno nuovo, nome e numeri nuovi

La premessa aiuta a comprendere, in parte, le scelte delle aziende che puntano su precise strategie, anche numeriche, per il debutto di un prodotto, come sembra farà Samsung con il suo prossimo top di gamma della famiglia Galaxy S (nella doppia versione, standard e plus). Annunciato ogni anno a febbraio a poca distanza dal Mobile World Congress di Barcellona con l’evento Unpacked, quello che si pensava dovesse essere il Galaxy S11 verrà molto probabilmente battezzato Galaxy S20. A rivelarlo è stato un tweet di Ice Universe, fonte solitamente affidabile, che ha postato (in inglese) due cinguetti sintetici e molto chiari: “Samsung 2020”, il primo, “Il prossimo anno è il 2020, e 20 sta per un nuovo inizio” nel secondo. Un salto in avanti, quindi, per sfruttare il binomio composto con l’anno che sta per scoccare, con la rinuncia a numeri meno caratterizzanti, come fatto già in passato da Huawei, mentre Apple ha regolarmente seguito il corso del tempo e sfornato iPhone 11, anche se tecnicamente non può essere esclusa l’opzione iPhone 20 per il modello che sarà svelato nel prossimo autunno.

Le certezze del prossimo Galaxy S: fotocamera, batteria e 5G

Andando oltre i numeri, del prossimo smartphone di punta Samsung sappiamo che avrà in dotazione un comparto fotografico eccellente, con a bordo un sensore da 108 megapixel, come già mostrato da Xiaomi sul Mi Note 10, coadiuvato a quanto filtra da un teleobiettivo da 48 megapixel con zoom ottico 5x, più grandangolo e sensore di profondità. Una novità potrebbe esserci per gli scatti notturni, mentre se è certa la versione 5G pare altrettanto sicuro l’incremento della RAM a 12 GB (almeno in uno dei due modelli) e il debutto del nuovo processore Exynos 990, con Samsung che ha assicurato prestazioni migliori del 20% rispetto all’ultimo Exynos 9820. Tra le più significative delle molte ipotesi sul banco, infine, figurano la registrazione video 8K e la batteria da 5000 mAh per il modello più potente e costoso. 

© Riproduzione Riservata

Commenti