Casa

Tado° v2, come funziona la climatizzazione intelligente

Arriva la seconda versione dell’accessorio che trasforma il vecchio condizionatore in un apparecchio smart

tado climatizzazione v2

Antonino Caffo

-

Siamo in un periodo di alti bassi, tra piogge torrenziali e bruschi cali di temperatura, ma che ci piaccia o no, prima o poi l’estate arriverà. In un’epoca di iperconnessione collettiva, gingilli hi-tech che parlano da soli dentro casa e notifiche che arrivano dappertutto, pure dal frigo, non poteva certo mancare un accessorio del genere. tado°, compagnia tedesca, ha presentato la seconda versione del suo apparecchio di climatizzazione intelligente, meglio conosciuto come v2.

Di cosa si tratta

All'interno del reparto domotico, anche low-cost, ci sono già vari climatizzatori, capaci di produrre aria fredda o calda, con un’antennina Wi-Fi. Questa serve per consentire all’elettrodomestico di comunicare con la rete internet che c’è in casa (o in ufficio) e recepire informazioni utili, ad esempio un comando di accensione o di spegnimento inviato dallo smartphone, visualizzare sull’applicazione specifica la temperatura corrente, impostarne una desiderata e molto altro.

Sfortunatamente, non tutti hanno un dispositivo di ultima generazione ma un semplice condizionatore sconnesso, che al massimo riceve istruzioni da un telecomando via infrarossi. Ed è proprio questa tecnologia, da molti considerata obsoleta, a permettere a tado° di rendere smart il vecchio clima.

Come funziona

Nello specifico, la magia è conservata all’interno di un piccolo scatolotto che fa da hub centrale di gestione. Il box si connette, tramite una rapida impostazione dell’app per iOS e Android, al Wi-Fi in uso, facendo da ponte verso il climatizzatore. In che modo? Attraverso la porta a infrarossi di cui è dotato e che comunica con l’apparato installato in camera da letto, nel salotto o dove si voglia.

In questo modo, pur essendo 1.0, il clima diventa di fatto intelligente perché si attiva al segnale dell’hub, che a sua volta viene gestito dallo smartphone, anche a chilometri di distanza. In poche parole, tado° riceve il comando dal telefonino, che passa dal router Wi-Fi e lo converte nel segnale IR (infrarossi), inviato al climatizzatore. Basandosi su una metodologia a basso raggio, c’è bisogno che box e condizionatore si trovino a breve distanza l’uno dall’altro, pena l’impossibilità di funzionamento.

La nuova versione

Esteticamente simile al modello lanciato in Italia un anno fa, la seconda generazione gode di novità davvero interessanti per l’utilizzo quotidiano. Tra queste un vero e proprio Assistente Climatico che fornisce indicazioni pratiche su come abbassare i costi della bolletta energetica, arrivando a ottenere una riduzione anche del 40% rispetto ai consumi abituali. L’assistente, analizza ogni zona della casa, ottimizzando il lavoro del climatizzatore per rendere gli ambienti vivibili e confortevoli, soprattutto per la salute degli inquilini.

Le novità

Sul v2 è stata migliorata la funzione di geolocalizzazione, con cui l’app accende o spegne il clima quando rileva lo smartphone dell’utente registrato dentro l’abitazione, a patto di avere il GPS su on. Integrato con i dati meteo, il condizionatore promette di offrire maggior efficienza, suggerendo le operazioni più opportune a salvaguardia delle persone e delle singole necessità.

Ecosistema domotico

Alla presentazione italiana, Christian Deilmann, co-fondatore e Chief Product Officer di tado° ha detto: “Tutti hanno il diritto di potersi concentrare sulle cose importanti nella vita. Andare alla ricerca del telecomando e armeggiare con le impostazioni sarà solo un ricordo. Lasciate che tado° faccia il lavoro al posto vostro e cominciate a godervi il comfort della casa con il minimo dispendio energetico”. Climatizzazione Intelligente v2, che ora parla con Google Home e Amazon Alexa, è già sul mercato, anche online, al prezzo di 179 euro.

© Riproduzione Riservata

Commenti