Ouye-apertura
Videogiochi

Ouye, la PS4 che si crede Xbox One (o viceversa)

Una console cinese ha un design che richiama in modo smaccato le creature di casa Sony e Microsoft. E come sistema operativo usa Android

Il sottobosco del mercato cinese è famoso per la sua capacità di creare cloni di prodotti hi-tech di successo: imitazioni di iPhone, smartwatch farlocchi, tablet che scimmiottano icone di casa Apple, Samsung e dintorni. Tutti rigorosamente low cost, con specifiche micragnose rispetto agli originali, ma comunque funzionanti. E con una schiera di fedeli acquirenti disposti ad accontentarsi di qualcosa di simile al prodotto dei sogni pur di spendere meno. Molto meno. 

Ouye-console

C’è però chi ha osato di più. Ispirandosi non a uno ma a tanti oggetti, fondendoli tra loro per crearne uno soltanto. È il caso di Ouye (foto sopra), console che scioglie il dubbio amletico tra chi non ha mai saputo scegliere tra un PlayStation 4 e una Xbox One. Inglobandole entrambe, con un processore di tutto rispetto, un octa core, a ruggire sotto il cofano. E, di serie, il supporto per il 4K, almeno stando a quanto dichiarano i costruttori. Che devono avere ottimi avvocati, visto l’aspetto della loro creatura.

Ps4-Ouye

Come si vede dal confronto qui sopra, la scatola che contiene l’hardware è un omaggio molto spinto al modello da salotto di casa Sony.

Xbox-Ouye

Il controller, invece, sembra uscito dalla fabbrica della Microsoft. L’ispirazione, sebbene sarebbe forse più opportuno parlare di plagio, non si ferma qui: il nome di battesimo dato alla console differisce giusto di una lettera da Ouya: la scatoletta Android da collegare alla tv nata per fare concorrenza alle big americana e giapponese e dare spazio e risalto ai produttori indipendenti. Ecco, come sistema operativo Ouye monta proprio quello made in Google. E costa circa 70 dollari. Più o meno come un controller per Xbox One. Senza dubbio, non l'ennesima coincidenza.   

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le 10 migliori mappe del 2015

Degli evasori fiscali e degli intolleranti. Delle meduse, dei posti in aereo, delle stelle. Le cartine da non perdere, per non perdersi più nulla

Commenti