Mytech

Quando Apple copiava da Braun

Apple è l’azienda più originale del mondo? Per la giustizia americana sì, ma se analizziamo nel dettaglio alcuni dei suoi prodotti di successo scopriamo che non è tutta farina del sacco di Johnatan Ive e soci. L’influenza di alcuni grandi designer del passato, e in particolare del desinger tedesco Dieter Rams, è evidente

iPod-Rams-2

La radiolina portatile Braun T3 (a sinistra) e l'iPod di Apple – Credits: Apple, Braun

Fabio Novembre , uno che sul design ha ben più di quattro cents da spendere, un giorno mi disse: “Tutti magnificano l’originalità dei prodotti Apple, spesso dimenticandosi che anche la società americana ha i suoi modelli dai quali ha copiato. Del resto lo stesso Jonathan Ive (braccio destro di Steve Jobs, oggi a capo del design di Apple) non ha mai fatto mistero di essersi ispirato a Dieter Rams, il più celebre fra i designer della Braun".

Quelle parole mi sono tornate alla mente sabato scorso, all’indomani della storica sentenza con cui la Corte di San José ha condannato Samsung per il plagio dell'iPhone, sia sul piano estetico che su quello funzionale.

Chissà se il vecchio designer tedesco o qualcuno dei manager della società (ora di proprietà del Gruppo De Longhi) a questo punto vorrà fare causa ad Apple per lo stesso motivo, mi sono chiesto.

Si dirà: c’è una bella differenza fra ispirazione e plagio. Vero. Ma a giudicare dalle motivazioni accolte dalla giustizia americana – nelle quali si legge di "angoli arrotondati e schermi piatti incassati in una cornice", vien da credere che il confine fra i due aspetti è ormai diventato sottilissimo. Almeno nel settore dei telefonini intelligenti.

Qui accanto, intanto, trovate una breve fotogallery con tutti i prodotti Apple “ispirati” al design dei prodotti Braun.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Commenti