IrisScan Anywhere cover
Mytech

Stampante addio, la carta ora viaggia sugli scanner portatili

Dal mouse-scanner fino alle app per acquisire i documenti da smartphone: come cambiano gli strumenti di imaging nell’era della mobilità

La stampante è morta, e anche lo scanner non se la passa benissimo. Analisti ed esperti di settore concordano: il genere umano - sia nella sua veste consumer che in quella professionale - può ormai fare a meno di tutti quegli strumenti che fino a ieri regolavano il nostro rapporto con la carta. Il boom dei dispositivi mobili e il parallelo sviluppo delle soluzioni cloud ha infatti completamente rivoluzionato il nostro rapporto con il documento fisico: di fatto - e ce ne stiamo accorgendo un po’ tutti - sono sempre di meno le circostanze nelle quali abbiamo bisogno di stampare qualcosa. Basta caricare un file su Dropbox per averlo ovunque, su qualsiasi dispositivo e in qualsiasi parte del mondo.

La fase di transizione verso il mondo del fully-digital sarà però piuttosto lunga e articolata. Perché il documento, nella sua accezione più classica (pensiamo ad esempio al contratto firmato) ha ancora il suo peso. Soprattutto in quei Paesi (e l’Italia è certamente uno di questi) nei quali la burocrazia è onnipresente. Servono dunque degli strumenti - magari meno ingombranti e impegnativi delle classiche soluzioni stampanti/scanner multifunzione - che siano in grado di acquisire il documento cartaceo e di portarlo in Rete nel più breve tempo possibile.

L’approccio green sta avendo la meglio. Utenti, professionisti e aziende non hanno più bisogno di stampare come un tempo. Daniele De March - Sales Manager Italy, Greece & Nordics di I.R.I.S

"Stiamo assistendo a una progressiva scomparsa delle stampanti multifunzione", spiega Daniele De March, Sales Manager Italy, Greece & Nordics di I.R.I.S, società che sviluppa tecnologie e prodotti per il riconoscimento intelligente dei documenti, "l’approccio green sta avendo la meglio. Utenti, professionisti e aziende non hanno più bisogno di stampare come un tempo. La possibilità di avere sempre appresso dispositivi come tablet e smartphone ha cambiato radicalmente lo scenario. Oggi tutti noi preferiamo di gran lunga avere un documento digitale da portarci appresso e, qualora ci fosse ancora di mezzo la carta, abbiamo bisogno di soluzioni capace di acquisire in fretta l’originale per averne una copia digitale da condividere o salvare sul cloud"

 


In un contesto di questo tipo, spiega il responsabile, l’evoluzione naturale delle stampanti multifunzione è rappresentata da tutte quelle soluzioni mobili che permettono di scansionare un documento in qualsiasi situazione e di condividerlo in un clic: scanner portatili, mouse-scanner finanche applicazioni per acquisire i documenti direttamente da smartphone. “La rivoluzione della mobilità è arrivata anche nel settore dell’imaging. Oggi siamo in grado di offrire alle aziende soluzioni davvero portabili che permettono di recepire il documento con una facilità inimmaginabile fino a pochi anni fa. Un hotel che oggi deve acquisire i dati della carta di identità di un cliente non ha più bisogno di una soluzione hardware costosa o di grandi dimensioni. Può semplicemente passare un mouse-scanner sul documento per averlo in tempo reale sullo schermo del computer. Ed eventualmente editarne il contenuto. L’importante è avere una buona qualità dell’immagine e un OCR che funzioni rapidamente”.

Ovviamente non si può prescindere dalle finalità che attendono i documenti acquisiti: “Per una foto o un documento con poco testo e di scarso valore è sufficiente uno smartphone dotato di software di riconoscimento della scrittura”, conclude De March. “Ma quando si tratta di una relazione di molte pagine o di un contratto di lavoro è sempre meglio affidarsi a una soluzione più strutturata, ad esempio uno scanner ultra-compatto, in grado di acquisire più nitidamente il documento di origine. Un documento che non viene riconosciuto o che viene riconosciuto a metà rischia di non essere capito dagli strumenti informatici. E dunque di essere inutilizzabile”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti