Facebook Messenger Pagamenti Gruppo
Social

Pagamenti di gruppo? Ecco come farli su Facebook Messenger

Debutta, per il momento solo negli Stati Uniti, la nuova funzione per gestire le transazioni comuni all’interno della chat. Ecco come funziona

A distanza di due anni dall’introduzione dei pagamenti su Messenger, Facebook lancia - per il momento solo negli Stati Uniti - una nuova opzione per le transazioni di gruppo.

L’idea, spiega lo stesso social network, è quella di facilitare la ripartizione delle spese fatte in comune, ad esempio il conto di una cena al ristorante. Il tutto, e qui sta forse il vero vantaggio rispetto a tutti gli altri sistemi di pagamento elettronico, rimanendo all’interno dell’ambiente della chat, laddove - di norma - gli utenti discutono delle proprie attività. Significa, ad esempio, che è possibile aprire una chat di gruppo per decidere cosa regalare a un amico che festeggia il compleanno e gestirne il pagamento comunitario senza mai uscire dall’app. 

 

Per farlo spiega la stessa Facebook è sufficiente inserire l'importo che si desidera richiedere alla singola persona o da dividere equamente attraverso il gruppo e cliccare su “richiedi”. Il servizio - che è gratuito e non richiede password - permette di aggiungere una nota relativa alla causale del pagamento (ad esempio “pizza party") e di sapere in tempo reale chi ha pagato e quando.

Oggi i pagamenti su Messenger, domani la banca online
Le transazioni via Messenger sono solo una delle tante attività promosse da Facebook nell’ambito dell’area pagamenti. Il social network, come noto, permette già di gestire transazioni sui cosiddetti beni virtuali (ad esempio quelli presenti nei giochi) e ha già predisposto la sua personalissima piattaforma (Facebook Buy) per fare acquisti di eCommerce sugli annunci sponsorizzati.

LEGGI ANCHE: Come fare acquisti su Facebook

Volgendo lo sguardo sul medio e sul lungo periodo, non è difficile immaginare uno scenario nel quale il social network assurgerà a vera e propria banca online. Questione di tempo: quello che serve per convincere gli utenti a passare da un generico like su un prodotto o su un servizio a effettuare commissioni sulla piattaforma, e - parallelamente - per risolvere tutte le pratiche amministrative necessarie per offrire un servizio globale e sicuro.

Secondo una recente ricerca condotta da Scratch, oltre il 30% degli utenti più giovani - i cosiddetti Millenial - pensa che le modalità di pagamento nei prossimi cinque anni saranno completamente diverse da quelle attuali; per tre utenti su quattro, addirittura, sarebbe meglio contare su servizi finanziari creati direttamente dai vari colossi digitali (Facebook, appunto, ma anche Google, Amazon, Apple) piuttosto che da una banca tradizionale.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Facebook, come pagare con Messenger

Già attivo, negli Stati Uniti, il servizio permette di scambiarsi somme di denaro, gratuitamente e senza uscire dalla chat. Ecco come funziona

Commenti