messenger-developer
Social

Facebook Messenger strizza l’occhio alle aziende

La chat privata del social network tocca quota 900 milioni di utenti. E annuncia nuovi strumenti per migliorare le relazioni fra aziende e clienti

Facebook regina della messaggistica istantanea. Dopo aver conquistato lo scettro del mondo social, la creatura di Mark Zuckerberg si prende anche quella dell’instant messaging. Due “semplici” applicazioni, una nata e cresciuta in seno al social network (Facbook Messenger) e l’altra acquistata nel 2014 (WhatsApp), fanno del colosso di Menlo Park la più grande piazza virtuale per le chiacchiere via chat. Insieme i due servizi fanno quasi due miliardi di utenti attivi: al miliardo e passa di “abbonati” WhatsApp bisogna infatti aggiungere i 900 milioni appena toccati da Messenger.

Ma - la domanda, a questo punto, sorge spontanea - cosa se ne fa Facebook di due applicazioni quasi identiche? Ad esempio prova a differenziarle. Se WhatsApp è diventato il vero erede degli SMS, Messenger potrebbe diventare una sorta di cercapersone, utile soprattutto in campo business.

Le ultime novità rivelate dallo staff dell’azienda californiana sembrano confermare l’ipotesi. "Stiamo annunciando nuovi strumenti e aggiornamenti che rendono queste connessioni ancora più semplici, aiutando le persone a trovare e contattare le aziende importanti per loro", si legge in un comunicato diramato dalla stessa Facebook

Le aziende si mettono in mostra 
Gli strumenti in questione sono nello specifico quattro: i nomi utente, i link, i codici e i saluti di Messenger. I nomi utente in realtà esistono da tempo, ma ora Facebook intende enfatizzarne il ruolo rendendoli visibili direttamente sulle cosiddette “Pagine”. Li vedremo sotto il titolo della pagina, preceduti dal simbolo @ (ad esempio @JaspersMarket).

Scopo della modifica è agevolare la ricerca di aziende su Facebook e Messenger, così da creare una relazione via messaggio. “Ogni nome utente è unico”, spiega lo staff del portale dell’amicizia, “pertanto consente alle persone di individuare l'azienda esatta, anche se ha un nome relativamente comune”.

A un clic di distanza
Più o meno finalizzati allo stesso scopo i nuovi link e i codici di Messenger. I primi sono collegamenti brevi e facili da ricordare basati sul nome utente della Pagina (ad esempio m.me/nomeutente), utilizzabili per avviare una conversazione con l’azienda su Messenger . I secondi si basano invece su codici univoci che possono essere scannerizzati via Messenger usando la fotocamera del cellulare.

Da sottolineare in ultimo la funzione Saluti su Messenger, messaggi personalizzabili che le aziende possono mostrare in ogni nuova conversazione prima dell'invio dei messaggi. L’idea, in questo caso è di ridurre le distanze fra aziende e clienti, dando alle prime una via rapida e amichevole per presentarsi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Facebook, come pagare con Messenger

Già attivo, negli Stati Uniti, il servizio permette di scambiarsi somme di denaro, gratuitamente e senza uscire dalla chat. Ecco come funziona

Commenti