Samsung Galaxy S7
Smartphone & Tablet

Samsung Galaxy S7: e se il vero affare fosse l'S6?

Con l'arrivo del nuovo top di gamma, il prezzo del vecchio modello è destinato a crollare. Spingendo una fetta di utenti all'acquisto intelligente

Il nuovo Samsung Galaxy S7 è pronto a fare il suo debutto ufficiale sul mercato a un prezzo che oscillerà fra i 729 e gli 829 euro in base alla versione (“flat o “edge”).

Il cartellino - per quanto elevato - è giustificato da tutta una serie di rifiniture e funzionalità di alto livello, dalla scocca impermeabile in vetro e alluminio alla nuova batteria, dallo standby intelligente alla fotocamera posteriore dual pixel [leggi la nostra recensione].

 

Gallina vecchia fa buon brodo?
Tuttavia, per molti potenziali acquirenti potrebbe trattarsi di un prodotto fin troppo evoluto e non solo per quella vecchia storia per cui il 90% degli utenti sfrutta non più del 20% delle funzioni di un telefono. No, c’è un altro aspetto che va considerato ed è l’avvicendamento con il precedente top di gamma di Samsung, il Galaxy S6, un telefono che a dispetto della non più giovanissima età (al giorno d’oggi uno smartphone diventa vecchio dopo un anno di vita) resta comunque un prodotto di pregevole fattura.

Lo è sul piano estetico (a parte la fotocamera a sbalzo e l’assenza dell'impermeabilizzazione non ci sono sostanziali differenze con il nuovo modello), così come su quello delle prestazioni. Sul modello flat, ad esempio, il display è pressoché identico, mentre il cuore del device - ancorché meno performante dell’S7 - resta comunque un eccellente octa-core con 3 Gb di RAM. Se si considera il fatto che il prezzo dell’S6 è destinato gioca forza a crollare (già oggi le quotazioni online partono da poco più di 300 euro) si può capire perché molti utenti potrebbero ritrovarsi dinnanzi al più classico dell’imbarazzo della scelta.

Il ruolo dei rivenditori
Samsung Galaxy S7 o Galaxy S6, quale scegliere dunque? Il cuore porta ovviamente al nuovo modello, in fondo ci sono almeno cinque buoni motivi per preferirlo a qualsiasi altro prodotto del catalogo Samsung; ma la ragione - e soprattutto il portafogli - impongono qualche riflessione in più.

A spostare gli equilibri saranno come sempre le proposte dei rivenditori, online come offline: finché il nuovo Galaxy S7 costerà circa il doppio del suo predecessore, è probabile che una buona fetta di utenti sarà tentata di "accontentarsi" dell’S6; nel momento in cui anche il listino del nuovo modello dovesse abbassarsi (nel mondo Android, ormai lo abbiamo capito, la parabola dei prezzi è sempre in rapida discesa) sarà quasi impossibile preferire la strada vecchia per la nuova.

Va da sé che le giacenze di magazzino giocheranno un ruolo decisivo. Perché, è evidente, qualsiasi produttore e qualsiasi rivenditore spera di vendere il prodotto più remunerativo, ma restare con dell’invenduto in mano non è mai un buon affare.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti