Smartphone & Tablet

Google Now è pronto a sbarcare su iPhone e iPad

Non solo Android. Il servizio di ricerca passiva di Mountain View potrebbe arrivare presto anche su iOS. A confermarlo un video apparso su YouTube e ripreso dal sito americano Engadget

Per molti è il futuro della ricerca sul Web. Google Now è l’embrione di quello che sarà (o perlomeno vorrebbe essere) Google Search da grande: un motore capace di interagire in modo molto più dinamico con i propri utenti (grazie a un’interfaccia in grado di comprendere il linguaggio naturale) ma soprattutto di anticiparne le richieste.

Il servizio, fino ad oggi prerogativa esclusva dei soli dispositivi Android, sarebbe pronto a sbarcare su piattaforma iOS. A darne notizia il sito Engadget con un video (pare proveniente da YouTube) piuttosto eloquente: anche su iPhone e iPad, ci spiega la clip, Google Now permetterà di ricevere le informazioni che desideriamo al momento giusto: uscendo di casa, ad esempio, ci mostrerà la strada più veloce per andare a lavoro, se ci dirigeremo verso l’aeroporto ci informerà sui dettagli del nostro volo e quando atterreremo a destinazione ci ragguaglierà sulle condizioni del tempo, sul cambio con la valuta del posto e persino sulle frasi utili nella lingua locale.

L’autorevole testata americana non esclude che possa trattarsi di un clamoroso fake ma ci sono alcuni indizi - uno su tutti, la voce fuori campo è identica a quella dello spot originale per i dispositivi Android - che darebbero credito alla fonte.

Certo è che se la notizia fosse vera (Google per il momento non ha né smentito né confermato) vien facile pensare all’ipotesi che Mountain View stia lavorando in vero su una versione multipiattaforma del proprio servizio, in grado cioè di girare su tutti i principali sistemi operativi mobili: iOS, quindi, ma anche Windows Phone, Blackberry e Chromebooks.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Un anno di Google Play: i numeri e le sfide

Google festeggia il primo anniversario della sua "destinazione per l'intrattenimento digitale", ma la strada da percorrere è ancora tanta per imporsi chiaramente come il numero uno a livello mondiale

Commenti