Sicurezza

Datagate: anche i servizi segreti inglesi hanno spiato l’Italia

Nel numero in edicola dal 7 novembre Panorama racconta come il Gchq britannico intercettasse le comunicazioni in rete e telefoniche del nostro paese

– Credits: (Thinkstock/Getty Images)

C’è una versione britannica del programma Prism della Nsa , in attività dal 2007 e che sorveglia la quasi totalità del traffico internet globale, con milioni di italiani monitorati soprattutto quando utilizzano Google, Yahoo!, Bing di Microsoft, Skype, Facebook e via dicendo. Panorama, nel numero in edicola da domani, giovedì 7 novembre, rivela che il Gchq britannico ha attivato il programma «Tempora», che permette dal 2008 alle spie inglesi di poter raccogliere un’illimitata quantità di email, post su Facebook o su Twitter, messaggi via internet e chiamate telefoniche e cellulari.

Il tutto viene captato attraverso la rete di cavi a fibra ottica che passa sotto il Mediterraneo, proveniente dal Medio Oriente, e sbarca in Sicilia.

Il Gchq collabora con alcune società di telecomunicazione, incluse British Telecom, Vodafone Cable, l’americana Verizon e altri quattro piccoli operatori, Global Crossing, Level 3, Viatel e Interoute. Panorama rivela che per un breve periodo anche la Telecom Italia ha avuto al suo interno una centrale d’ascolto dell’Nsa.

> NSA in Italia: ci intercettano così  

Come è stato per la National security agency americana, Panorama rivela che anche il Gchq ha installato quelle che in gergo si chiamano «stateroom» nelle ambasciate e nei consolati delle capitali più importanti, fra cui Roma. Le postazioni per monitorare e intercettare ogni tipo di comunicazione sono non solo fisse ma anche mobili. Il modello è lo stesso della guerra fredda.

Ai membri del Copasir l’ambasciatore Giampiero Massolo, il direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, che coordina Aise e Aisi, ha spiegato che basta una valigetta ventiquattrore, attrezzata con antenne e sensori e nascosta in un’automobile in movimento attorno ai palazzi del potere, per captare in un raggio di 1,5 chilometri qualsiasi tipo di comunicazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti