Reflex

Sony α7S: il prezzo vale la candela?

Ci vogliono 2400 euro per acquistare la nuova mirrorless full frame della casa giapponese. Una spesa giustificata da un livello di prestazioni (sia foto che video) che non ha pari per questo genere di fotocamere. E forse neanche fra le reflex

– Credits: Sony

Dopo qualche settimana di attesa Sony ha finalmente rivelato data e prezzo della sua nuova ammiraglia mirrorless, la α7S. Il terzo capitolo della serie di compatte a ottiche intercambiabili con sensore full frame della casa giapponese arriverà sul mercato il prossimo mese di luglio a un prezzo indicativo di 2400 euro per il solo corpo.

Si tratta, senza dubbio, di un cartellino piuttosto impegnativo. Le mirrorless non sono mai state macchine a buon mercato ma qui si parla di cifre degne di una reflex di alto livello. La domanda sorge dunque spontanea: cosa fa della nuova α7S un oggetto così prezioso o - per dirla in altre parole - così vicina ai parametri della fotografia professionale?

Partiamo col dire che la nuova Sony α7S è una mirrorless full frame e che già questo rappresenta un fattore estremamente differenziante. Ad oggi potete trovare tante fotocamere senza specchio a ottiche intercambiabili ma solo tre modelli con sensore a pieno formato. Tutti Sony, peraltro: la α7, α7R e questa α7S appunto.

C’è poi un discorso di prestazioni, soprattutto alle basse luminosità. La nuova α7S mette sul piatto un sensore da 12.2 megapixel (un terzo dei pixel dei pixel della α7R) e un range ISO quasi imbarazzante: da 100 - 102,400 estendibili a 50-409.600 equivalenti.

Infine ci sono i video: la possibilità di registrare in 4K (attraverso un dispositivo di registrazione esterno collegato via Hdmi) o fino a 1080/60p, sia in Avchd che nel formato XAVC S, costituisce un valore aggiunto che non passerà inosservato ai videomaker ma anche a tutti coloro che pretendono da un attrezzo così costoso un livello di prestazioni equiparabile fra foto e video.

Insomma siamo di fronte a una fotocamera dalle dimensioni davvero ridotte che promette di fare foto e video 4K praticamente al buio. Che è un po’ come dire che questa è l’unica mirrorless che può oggi competere con i mostri sacri del mondo reflex, a cominciare dalla Nikon D4S. E in questa considerazione c’è già, implicita, la risposta al quesito che ci siamo posti qualche riga fa.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti