Internet

Spotify Premium: con Vodafone hai il 30% di sconto

Accordo fra le due società: gli utenti italiani che dispongono di un’offerta con Internet incluso potranno attivare l’opzione senza limiti del servizio di streaming al costo di 6,99 euro al mese anziché 9,99 euro

Chi conosce Spotify ha pensato almeno una volta nella vita di acquistare la versione “full optional” del servizio (se già non lo ha fatto). Si chiama, come noto, Spotify Premium e permette di ascoltare musica senza interruzioni pubblicitarie e con una qualità audio più elevata, anche in modalità offline e, quindi, senza connessione internet. Il tutto condito dalla possibilità di accedere on-demand all'intero catalogo della piattaforma anche da smartphone.

Spotify Premium costa normalmente 9,99 euro ma è di queste ore la notizia di un accordo esclusivo con Vodafone che permetterà agli utenti del nostro Paese di attivare l’offerta a un prezzo di 6,99 euro, praticamente il 30% in meno rispetto al costo standard. Per usufruire dello sconto, attivabile dal 15 marzo attraverso questa pagina web oppure accedendo all’App My Vodafone, è sufficiente essere titolari di un piano Vodafone con Internet incluso. Per questi clienti, il primo mese è gratuito; dai mesi successivi l’importo di 6,99 euro verrà scalato direttamente dal credito telefonico.

L’accordo rientra nell’ambito dell’intesa siglata tra Spotify e Vodafone Group, già in essere in Irlanda e Regno Unito. Se per Spotify l’obiettivo è ovviamente quello di incentivare l’acquisto della sua proposta a pagamento, per Vodafone l’idea è di accelerare il processo di consumo di contenuti “pesanti” da smartphone o tablet. L’accesso web a servizi musicali e di intrattenimento da dispositivi mobili comporta infatti un crescente consumo di dati e quindi l’esigenza di reti sempre più veloci e affidabili. Condizioni che Vodafone intende soddisfare in maniera diffusa, come dimostra il recente piano di investimenti che dovrebbe portare l’operatore a raddoppiare entro il 2016 la copertura mobile con velocità fino a 42.2 Mbps (HSPA+) e triplicare l’estensione del 4G, già attivo in 100 delle principali città e località turistiche.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti