Mytech

Google potenzia il pulsante +1, ora raccomanda contenuti

Prossimamente, cliccando +1 sotto un articolo si otterrà un elenco di altri contenuti rilevanti. L'obiettivo è quello di aumentare il tempo che gli utenti spendono in un sito e il loro utilizzo delle funzionalità social di Google.

Google plus +1

– Credits: Cordiaz2000 @ Flickr

Esiste una divinità pagana che raccoglie sempre più accoliti in Silicon Valley, si chiama Rilevanza. A Mountain View, Google ha fondato una chiesa in suo onore e non passa settimana senza che l’azienda di Larry Page ponga una nuova offerta sull’altare. L’ultima, ha a che fare con +1, quell’ubiquo pulsante che molti finora hanno equivocato come un goffo tentativo di emulare i pulsante Like di Facebook.

Lo hanno annunciato oggi, a poche ore dall’attesissima I/O Conference, gli sviluppatori di Mountain View. A partire dalle prossime settimane, quando un utente Google cliccherà il pulsante +1 in calce a un contenuto web vedrà aprirsi un riquadro in cui vengono raccomandati altri contenuti, a seconda della loro popolarità e, soprattutto, del successo riscontrato tra gli amici delle tue cerchie. La cosa interessante, è che i contenuti raccomandati non verranno scelti attingendo dall’immenso serbatoio della Rete condivisa, bensì dallo stesso dominio (o dal sottodominio) in cui era presente il pulsante +1.

Con una magistrale combo di colpo al cerchio e colpo alla botte, insomma, Google è riuscito a trovare un sistema capace di accontentare sia gli utenti (che si vedranno squadernare un a liste di gustose alternative) sia i proprietari dei siti Web (i quali avranno la certezza che i contenuti raccomandati non verranno pescati fuori dalla loro piattaforma).

Con questa mossa, Google ha apparentemente “regalato” ai siti un potente strumento per trattenere gli utenti sulle proprie pagine e agli utenti un sistema per trovare contenuti potenzialmente rilevanti senza nemmeno dover interrogare il motore di ricerca (un altro occhio strizzato alla social discovery). Dico “apparentemente” perché in realtà Google da questa novità ha solo da guadagnarci.

Con il potenziamento del pulsante +1, Google può puntare coinvolgere maggiormente l’utenza nell’utilizzo delle funzionalità di Google+. Inoltre, i vantaggi garantiti dal sistema di raccomandazioni invoglierà più siti a integrare l’infrastruttura social di Google+ nelle loro pagine (un po’ come è successo con Facebook Connect).

Prima di poter vedere il nuovo +1 in azione bisognerà aspettare qualche settimana. Ma se proprio non resistete, potete iscrivervi al developer preview group e testarlo in anteprima .

© Riproduzione Riservata

Commenti