Per chi non lo conoscesse Raspberry Pi è un piccolo computer nel senso più stretto del termine. È un dispositivo che comprende solo una piccola scheda elettronica con l’essenziale per lavorare: un processore, un modulo RAM, una scheda video, porte USB (1, 2 o 4) e una ethernet per collegare un cavo di rete. Non c’è una tastiera, nessun mouse ma è possibile collegarli esternamente utilizzando un adattatore USB multiplo. Allo stesso modo ci si attacca un schermo (tramite l’uscita video) et voilà si ha un PC portatile in tasca pronto da utilizzare dove si vuole.

Le novità del modello successivo, il Raspberry Pi 2, sono maggiore potenza nel processore e diverse porte di comunicazione ma soprattutto l’arrivo di Windows 10 di cui è stata rilasciata una versione compatibile in versione beta proprio qualche giorno fa. Non che l’utilizzo di Linux ne limitasse le operazioni, anzi, ma il supporto di Microsoft rende il progetto della Pi Foundation decisamente più riconosciuto soprattutto tra i meno esperti. Ma oltre a fare i fighi con gli amici a cosa servirà mai un dispositivo del genere? Scopriamolo nella galleria fotografica dove abbiamo raccolto i 7 progetti con cui partire

© Riproduzione Riservata

Commenti