Tour Eiffel
Mytech

Come costruire una Tour Eiffel in sei minuti e mezzo

Clip, una nuova tecnologia per la stampa Carbon 3D, promette di ridurre drasticamente i tempi di modellazione dei solidi. Ecco come funziona

Ci sarà un giorno in cui chiunque potrà realizzare oggetti di largo consumo con un clic, o poco più. La grande promessa della stampa tridimensionale si scontra, per il momento, con alcune problematiche di fondo: il costo dell’attrezzatura e dei materiali, ad esempio, o le tempistiche di lavorazione. Le attuali stampanti 3D, infatti, sono ancora piuttosto lente, essendo basate su tecnologie che prevedono la deposizione della materia prima strato dopo strato.

Per ovviare al problema, Carbon 3D - una startup americana finanziata da alcune importanti venture capital - ha elaborato un nuovo sistema di stampa tridimensionale che, sfruttando una resina fotosensibile plasmabile grazie all’azione combinata di luce e ossigeno, promette di ridurre da 25 a 100 volte i tempi di manufacturing. Per capire meglio di che si tratta ci viene in aiuto un video, girato dalla stessa azienda, che ci mostra una Tour Eiffel in miniatura “sfornata” in poco più di 6 minuti (il video è stato opportunamente velocizzato).

La tecnologia, denominata CLIP (Continuous Liquid Interface Production), è ancora in fase di sviluppo ma i suoi creatori si dichiarano molto fiduciosi sulle potenzialità. “Gli attuali sistemi di stampa 3D non sono riusciti a rivoluzionare la produzione, ma la nostra tecnologia può cambiare le regole del gioco”, spiega il co-fondatore e CEO di Carbon 3D Joseph De Simone, che paragona la sua creatura al sistema di modellazione del metallo liquido mostrato nel film Terminator 2.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La stampa 3D ti salva la vista

Per la prima volta gli scienziati hanno utilizzato la tecnologia tridimensionale per realizzare cellule prelevate dall’occhio. Ecco come

Commenti