Casa

Risparmiare acqua ed energia in casa: 16 regole

Dalla scelta dell’elettrodomestico ai piccoli gesti quotidiani: lo sapevate che vivere green fa bene all’ambiente ma anche al portafoglio? Ecco come risparmiare acqua ed energia in casa. In 16 mosse

iStockphoto

Ecco 16 semplici regole da seguire nella vita quotidiana. E il risparmio è assicurato:

1 - Elettrodomestici: il consiglio è di acquistare quelli più efficienti dal punto di vista energetico. Il prezzo d’acquisto è più alto, ma il vantaggio nel tempo, in termini di risparmio energetico e durata, ve lo ripagherà. Oltre a inquinare meno.

2 - Occhio ai detersivi: lavatrici e lavastoviglie di buona qualità funzionano al massimo del rendimento anche solo con la metà della dose indicata nelle confezioni. E si rovinano meno.

3 - Azionare gli elettrodomestici solo a pieno carico, evitando altissime temperature e prelavaggi e, soprattutto, rispettare le fasce orarie di minor consumo (le ore notturne sono le più indicate per i lavaggi). Lo sapevate che il tasto mezzo carico fa risparmiare circa un quarto dell’acqua e dell’energia che utilizzereste a carico pieno?

4 - Piatti a mano o in lavastoviglie? Le lavastoviglie di ultima generazione utilizzano pochissima acqua per un ciclo di lavaggio: molto meno di quella che usereste per lavarli a mano. Un solo dato: per ogni minuto d’acqua corrente, si consumano in media 20 litri di acqua.

5 - I lavaggio oltre i 70°C sono utili solo per disinfettare la biancheria dagli acari, dunque vanno utilizzati saltuariamente. In tutti gli altri casi temperature intorno ai 50-60°C sono più che sufficienti e inoltre fanno durare di più i tessuti.

6 - Per stirare,  è perfetto il ferro a vapore con il serbatoio ad acqua perché permette di rinunciare ai vari additivi e appretti per lo stiro, che inquinano e di cui si può fare a meno.

7 - Fate la doccia e non il bagno e adottate un soffione ventilato che introduce aria all’interno del flusso d’acqua, mantenendo la pressione alta ma riducendo il quantitativo di acqua utilizzato.

8 - Un grosso spreco di acqua si ha quando si tenta di miscelare acqua calda e fredda per ottenere una temperatura tiepida. Installare i miscelatori d’acqua ai rubinetti permette di risparmiare acqua ottenendo la temperatura desiderata più velocemente.

9 - Lo sciacquone del water tradizionale consuma quasi 10 litri a ogni scarico e non sempre tale quantità d’acqua è davvero necessaria. Esistono vaschette a erogazione differenziata che presentano un doppio pulsante: è stato stimato che se gli scarichi dei WC utilizzassero 6 litri di acqua invece di 9, il consumo domestico di acqua diminuirebbe del 10%. E non è poco.

10 - L’uso di prodotti biologici e la sostituzione della candeggina con gli sbiancanti all’ossigeno migliora l’impatto ecologico del funzionamento degli elettrodomestici e le conseguenze sulla nostra salute, come il possibile contatto con residui di detersivo o la loro ingestione

11 - Il riscaldamento in casa: impostate la temperatura intorno ai 19 °C. Questa è la temperatura ideale per gli ambienti domestici, inoltre di notte, quando siamo a letto, possiamo abbassare la temperatura di tre gradi senza risentire di questa variazione. Ogni volta che aumentiamo la temperatura di un grado, i consumi salgono vertiginosamente e gravano poi sulla nostra bolletta.

12 - E’ molto utile utilizzare un cronotermostato che consente di impostare un programma orario così da far calare la temperatura in automatico quando si raggiunge una certa soglia.

13 - Controllate le porte e le finestre, adoperate degli appositi cuscinetti per limitare gli spifferi d’aria. L’isolamento termico è il più grande alleato del risparmio energetico tanto che in base a esso si assegnano le classi energetiche degli edifici.

14 - Quando volete cambiare aria, non lasciate la finestra semi aperta per tempi lunghissimi. Per una corretta areazione vi basterà spalancare totalmente la finestra per pochi minuti. Un ricambio d’aria completo in una stanza, in media, può avvenire in circa 3 minuti.

15 - Ricordate che lasciare un apparecchio inutilizzato collegato alla presa elettrica è uno spreco di energia: utilizzate multiprese con pulsante “on/off” o staccate direttamente l’interruttore principale dell’apparecchio domestico.

16 - Non lasciate il cellulare in carica tutta la notte: è uno spreco di energia inutile e danneggia anche la batteria del cellulare stesso. E quando è carico, staccate la presa dalla corrente: disperde comunque energia anche se avete tolto il cellulare.

© Riproduzione Riservata

Commenti