Mytech

Apple vs Google vs Microsoft: l’iPad-mini e la guerra dei tablet

Alla vigilia del lancio del nuovo iPad-mini, i tre colossi caricano i cannoni per quello che si preannuncia uno scontro senza precedenti

Guerra tablet

– Credits: ebayink @ Flickr

Il mercato dei tablet si prepara a quello che minaccia di essere uno tsunami senza precedenti. Tra la serata di domani 23 ottobre e quella di lunedì 29 ottobre, i tre tra i più grandi colossi del mercato sproneranno sulla linea di partenza nuovi cavalli da corsa progettati per far piazza pulita degli avversari e imporsi sulla scena.

Apple si appresta dunque a entrare nel magico mondo dei tablet a “basso costo”. Le virgolette sono d’obbligo, dato le previsioni più rosee danno la versione più “povera” del nuovo iPad-mini a 249 euro (per gli USA si parla di 299 o 329 dollari). Non vi è nulla di certo, ma le ultime indiscrezioni vogliono che il fratellino dell’iPad sia parecchio leggero, abbastanza da giustificare speculazioni sul nome (e se si chiamasse iPad Air? butta lì qualcuno) e sul fatto che gli aspiranti acquirenti possano prepararsi a un display LCD non-retina. Le voci più solide danno per certo un display da 7,85 pollici, una disponibilità di 8 diversi modelli con 5 relative fasce di prezzo e una batteria sufficientemente potente. In queste ore poi hanno cominciato a girare immagini che mostrano un iPad di dimensioni normali con un connettore lightning, quindi Apple potrebbe essere in procinto di presentare anche una nuova versione dell'iPad di terza generazione . Il mercato dei tablet a basso costo è diventato così florido da rendere impossibile ad Apple continuare a barricarsi sulla sua profittevole torre d’avorio. Comunque vada, l’introduzione di un iPad-mini porterà Apple a estendere la propria quota di mercato. Se si rivelerà un successo a tutto tondo, dipenderà però da come si comporterà Google di qui a una settimana.

In perfetto tempismo, lunedì prossimo Google terrà infatti un nuovo keynote dal quale ci si aspettano sorprese spumeggianti. Secondo le più affidabili indiscrezioni , in quella cornice verrà lanciato un nuovo tablet da 10 pollici , prodotto in collaborazione con Samsung. La nuova tavoletta, nome in codice: Manta, pare arà un super-display con risoluzione 2560×1600 pixel, il che potrebbe garantire a Google un record in fatto di display multitouch: 300 pixel per pollice contro i 264 del nuovo iPad. Ma il vero colpo della cintura potrebbe arrivare con il supposto lancio di un Nexus 7 pompato di steroidi: 32 GB e connettività 3G per solo 1 euro in più dell’attuale Nexus 7 a 16 giga. Per una serie di ragioni, Google non può permettersi di arrivare sulla linea di partenza con un cavallo spompo. Innanzitutto, Google deve rispondere di uno scivolone finanziario che nella giornata di venerdì gli ha fatto perdere oltre 9 punti percentuali nel giro di venti minuti. Per capire quanta importanza possa avere il lancio di una nuova infornata di tablet sulla sua situazione finanziaria, basta dare un’occhiata alla categoria “Others” nelle voci di bilancio relative al terzo trimestre del 2012 . Questa voce ha subito un’impennata di quasi 300 milioni di dollari, e diversi analisti concordano nell’affermare che il merito vada in gran parte al milione di Nexus 7 venduti. Inoltre, con ogni probabilità il 29 ottobre Google presenterà il suo nuovo sistema operativo Android 4.2 (doveva chiamarsi Key Lime Pie, ma probabilmente sarà un altro Jelly Bean), che punta proprio a incrociare i guantoni con iOS6.

Per quanto riguarda Microsoft, non si può certo parlare di tablet a basso costo, dal momento che l’attesissimo Surface sarà disponibile per un minimo di 499 dollari nella versione a 32GB priva di tastiera-cover (per quella ci vogliono altri 100 dollari). Per contrastare l'atteso effetto iPad-mini, Microsoft ha appena anticipato i preordini a 1-2 settimane. C’è chi sostiene che Microsoft non avrebbe potuto scegliere un momento peggiore per lanciare il suo primo tablet, ma è anche vero che Surface è in realtà una specie di ibrido tablet-laptop, quindi sarà curioso monitorare l’effetto che avrà il suo lancio sul mercato. Nel frattempo, il 26 ottobre verrà ufficialmente rilasciato Windows 8, e con esso un’attesa pletora di dispositivi con il nuovo OS integrato. Più avanti poi usciranno i tablet con Windows RT integrato, a quel punto tutte le fazioni avranno disposto i propri carrarmati in campo, anche se probabilmente la guerra dei tablet sarà già entrata nel suo vivo.

Seguimi su Twitter: @FazDeotto

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

iPad-mini, ecco cosa vogliono gli utenti

Retina display, LTE, batteria, sono le maggiori incognite che accompagnano l'arrivo dell'attesissimo iPad-mini. Ma una su tutte si rivelerà decisiva per i potenziali acquirenti: il prezzo

iPad-mini, otto diversi modelli all’orizzonte

Otto diversi modelli, disponibili in bianco e nero, con Wi-Fi o connettività cellulare, cinque fasce di prezzo comprese tra 249 euro e 649 euro: tutte le nuove indiscrezioni su prezzi e modelli del nuovo iPad-mini

Commenti