Roberto Catania

-

Le strade del futuro? Saranno costellate di veicoli connessi, e non saranno solo auto. A benedire la rivoluzione portata in dote dall’Internet of Things ci sono anche tanti produttori del mondo delle due ruote, sempre più propensi ormai a esplorare la frontiera dell’innovazione intelligente.

L’ultimo rintocco “smart” è arrivato da Yamaha, con due nuovi scooter pensati per connettersi in Rete. Si tratta dei nuovi Tmax Dx e Tmax Sx, primi due modelli della casa del diapason pensati per poter dialogare con i proprietari attraverso una centralina e un’app mobile. L’obiettivo è far sì che l’utente possa consultare le informazioni di base del veicolo, localizzarlo, ricevere un allarme in caso di batteria scarica e attivare da remoto il clacson e le frecce in caso di emergenza.

Yamaha Tmax Vodafone SOS

Un sostegno contro i furti
Ma non solo. My Tmax Connect, questo il nome della soluzione sviluppata in collaborazione con Vodafone Automotive (la divisione del gigante delle telecomunicazioni specializzata fra le altre cose in telematica di bordo, servizi di gestione del veicolo e soluzioni assicurative usage-based), punta a migliorare il livello di protezione in caso di furto.

Lo fa mettendo a disposizione degli utenti un servizio di recupero veicoli che, tramite una rete di centrali operative attive 24/7, è in grado di collegarsi in ogni momento con le autorità di competenza per recuperare veicoli rubati in tutta Europa.

I nuovi Tmax connessi saranno disponibili da marzo 2017 a un prezzo non ancora disponibile.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

BMW: la moto del futuro starà in piedi da sola (e si guiderà senza casco)

Il prototipo a due ruote presentato dalla casa di Monaco rompe tutti gli schemi. Nel design come nella guida (e nell’abbigliamento)

Auto che si guida da sola: 8 risposte ai dubbi

Come funziona, quando arriverà, quanto è sicura e molto altro ancora: tutto quello che c’è sapere sulla rivoluzione "guidata" da Google

Con l'auto che si guida da sola non ci saranno più incidenti stradali

Senza pilota elimineremo il 94% di cause di rischio. E Google, intanto, porta i primi prototipi sulle strade (quelle vere) di Mountain View

Auto che si guida da sola, novità e cose da sapere

Entro cinque anni invaderanno le strade, poi saranno rese obbligatorie. Perché al volante sono molto più abili di noi

Commenti