Mytech

Wi-Fi in aereo, dove trovarlo e quanto costa

Le offerte delle principali compagnie e le mosse di chi si prepara a trasformare l'accesso al web in un servizio irrinunciabile. Anche tra le nuvole

Wi-fi-nuvole

Marco Morello

-

Lo scorso giugno, durante la presentazione della nuova Alitalia, la compagnia ha promesso che «la connettività Wi-Fi verrà progressivamente messa a disposizione su tutti gli aerei a lungo raggio». D’altronde l’accesso al web non è più un tabù tra le nuvole, anzi i viaggiatori - frequent flyer e non solo - cominciano a valutarne la presenza a bordo come un elemento che fa la differenza al momento dell’acquisto del biglietto. Ecco perché l’agenzia di viaggi online eDreams ha creato questa piccola guida che riassume costi e condizioni proposte dai principali vettori dell’aria coinvolti in questa evoluzione.

 

Non è corretto parlare di rivoluzione, visto che il Wi-Fi già a inizio anno era disponibile su un quarto dei voli che solcano i cieli e la tecnologia che rende questo servizio possibile, con qualche aggiustamento o virata verso le soluzioni più efficienti, è rimasta grosso modo la medesima. A cambiare sono piuttosto le tariffe e le strategie adottate dalle singole compagnie.

Quelle che offrono il Wi-Fi in modo gratuito ma soltanto ai clienti di business (basta impostare una password e decidere a chi fornirla e a chi no), quelle che lo aprono a tutti, ma a pagamento: con tariffe per un periodo limitato, tutta la tratta o un abbonamento stagionale per gli ospiti più assidui e, a volte, assaggi a costo zero; quelle che dall’accesso wireless di bordo fanno transitare i servizi di intrattenimento, rendendo superflui i monitor sulla poltrona che tendono a invecchiare troppo in fretta. Così il film ognuno lo vede sullo smartphone, il tablet e il notebook, in modo semplice e immediato (e si spera altrettanto fluido).

Bambino-in-aereo-tablet

Quanto ingolosisca i clienti il lasciapassare per avventurarsi sui social o continuare a gestire il flusso di e-mail e chat anche a 10 mila metri, lo hanno capito pure le low cost. Vueling propone il servizio per ora soltanto sul suo ultimo Aribus A320, presto sarà su altri membri della flotta a tariffe competitive; easyJet, da sempre attenta e sensibile alle ultime novità hi-tech, ha fatto sapere di non avere nessuna fretta, il che però conferma che ci sta pensando; Ryanair dovrebbe essere pronta nel 2016. Uno degli ultimi baluardi della disconnessione possibile sta velocemente cadendo.   

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Come creare un antifurto wi-fi senza spendere follie

Bastano poche centinaia di euro e una connessione Internet per realizzare un vero sistema di sicurezza: la prova del kit Thombox di Thomson

Wi-Fi: 5 modi per migliorare la ricezione in casa

Dal posizionamento del router all’acquisto di un ripetitore, ecco alcuni pratici consigli per aumentare la potenza del segnale wireless

Cosa succede quando ci si connette al Wi-Fi sbagliato

Avast ha mostrato ai visitatori del Mobile World Congress quanto sia semplice catturare informazioni private dai loro smartphone. Pericolo in vista Expo

Commenti