Social

#SheMeansBusiness, come funziona il programma di Facebook per l’impresa "rosa"

Tutto sull’iniziativa che si propone di formare le donne (anche quelle italiane) sull’uso di Facebook e Instagram a scopo di business

Facebook She Means Business

Roberto Catania

-

Che i social network rappresentino (anche) una grande opportunità per le aziende che vogliono promuovere le proprie attività online non lo scopriamo certo oggi. Ma quante imprese e imprenditori hanno davvero dimestichezza con tutti gli strumenti che questi contenitori digitali sono in grado di offrire?

È da questa domanda che nascono di fatto tutte le iniziative di formazione che Facebook sta portando avanti nei Paesi nei quali è presente, con un accento particolare sulle piccole e medie imprese.

L'obiettivo di Menlo Park è evidente: istruire le aziende all'uso consapevole dei tool che ha sviluppato nel corso degli anni per il business così da arricchire una customer base che già oggi conta 6 milioni di inserzionisti pubblicitari. Formare oggi per guadagnare domani, insomma.

#SheMeansBusiness: cos'è e a chi si rivolge

E' in questo filone che va a inserirsi #SheMeansBusiness, un programma presente in più di 15 Paesi - da oggi anche in Italia - che mira a supportare le donne che fanno o vorrebbero fare impresa. "Si tratta", spiega Nicola Mendelsohn, VP EMEA di Facebook, "di un programma nato per aiutare le donne imprenditrici in Italia a cogliere le opportunità offerte da Facebook e Instagram spingendole e sostenendole nel raggiungimento dei loro sogni".

La platea, almeno sulla carta, c'è: in Italia, fa sapere la responsabile di Menlo Park, 30 milioni di persone ogni mese accedono a Facebook e più di 14 milioni visitano Instagram. Questa comunità fiorente offre l'opportunità per le PMI di raggiungere direttamente i propri clienti esistenti e trovarne di nuovi.

Obiettivo: formare 3.500 donne sulle opportunità di Facebook e Instagram

Nel nostro Paese, #SheMeansBusiness opererà in collaborazione con l'associazione no-profit Fondazione Mondo Digitale. Seguendo il modello train the trainer, Facebook formerà i coach di Fondazione Mondo Digitale, che a loro volta si occuperanno di formare 3.500 donne in tutta Italia nel corso del 2018, con lezioni sia di carattere tecnico che più orientate alla consapevolezza e all’autostima.

La società californiana, inoltre, si occuperà di mettere a disposizione strumenti e moduli formativi specifici, lezioni online e pratiche su come utilizzare al meglio le piattaforme Facebook e Instagram per scopi di business.

Una spinta alla riduzione del divario genere

"Quando le donne hanno la possibilità di migliorarsi, anche l’economia migliora", sottolinea la Mendelsohn, snocciolando i numeri che attestano il divario di genere sul posto di lavoro ancora troppo alto fra l’Italia e il resto d’Europa: 18,8% contro 12,7% dell’EU.

Secondo quanto rivelato dal Censis, una riduzione di tale gap del 25% entro il 2025 (target ILO), porterebbe a un aumento delle donne attive pari a oltre 300.000 nuove occupate, con una crescita stimata del PIL italiano di circa il 2%, pari a 33,6 miliardi di euro.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Facebook, le foto di nudo contro il revenge porn

Parte in Australia un progetto con cui il social segnerà digitalmente le immagini intime per bloccarne la diffusione dentro e fuori la rete

Facebook: dalle fake news alla fake pubblicità

Per Zuckerberg le conseguenze di altri Russiagate si combattono con più personale. Anche Londra ha il dubbio di una Brexit pilotata

Facebook spia i nostri microfoni? Il social si difende

L’azienda accusata di ascoltare le conversazioni degli iscritti a scopo di marketing. Tutto è possibile ma questo sembra troppo

Commenti