Social

Come cambia Facebook con l’arrivo delle Music Stories

I nostri News Feed si popoleranno con gli spezzoni della musica condivisa dagli amici che ascoltano Spotify (e Apple Music). Ecco come

Musica da smartphone

Roberto Catania

-

Non solo le nostre foto, i nostri pensieri, le notizie che leggiamo e i video che reputiamo più interessanti. Facebook vuole “prendersi” anche la musica che ascoltiamo. L’annuncio di Music Stories - l’accordo che porterà sui nostri News Feed spezzoni di musica (della durata massima di 30 secondi) condivisa dagli amici che ascoltano Apple Music o Spotify è l’ultimo tassello di una strategia mirata che punta dritto alle nostre orecchie.

Non è una novità in termini assoluti: già da qualche anno il portale dell’amicizia consente ai suoi iscritti di mostrare in tempo reale gli ascolti provenienti dai vari servizi musicali (Spotify, Deezer, Shazam, e via dicendo). L’introduzione di Music Stories, però, cambia radicalmente l’impatto sul servizio: anziché essere dirottati sulla specifica pagina del provider musicale, infatti, gli utenti di Facebook (per il momento solo quelli mobili dotati di dispositivo iOS) potranno ascoltare la musica condivisa - o perlomeno frammenti di essa - senza mai uscire dalla piattaforma.

Fatte le debite proporzioni, si può dire che Music Stories stia al mondo musicale come gli Instant Articles a quello dell’editoria: l’obiettivo in entrambi i casi è favorire una user experience senza troppe interruzioni, tutto resta integrato all’interno del flusso delle notizie.

Ma cosa ci guadagna concretamente Facebook da un’operazione di questo genere? Di certo può aumentare i tempi di permanenza sul sito. La riproduzione musicale, così come quella dei video, rappresenta una delle attività più continue e durature della nostra esperienza Web. E tutto questo, tradotto in soldoni, significa accrescere l’attrattività del servizio agli occhi degli inserzionisti.

L’impressione, al di là di tutto, è che Facebook non si fermerà qui. L’obiettivo potrebbe essere un altro: arrivare a una condivisione totale delle tracce musicali di tutti i servizi di streaming (non solo Spotify ed Apple Music dunque, ma anche Deezer, Tidal, Rdio, Google Play Music e via di seguito). Sempre che qualcuno ai piani alti di Menlo Park non stia addirittura pensando di crearsi il proprio juke box personale, costruito magari con le tracce degli utenti.

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Perché Facebook prosciuga la batteria dell’iPhone

Il problema sarebbe legato a un eccessivo utilizzo di risorse (soprattutto audio) legate alla funzione autoplay dei video

Perché Facebook è ossessionata dalle connessioni lente

La corsa verso il prossimo miliardo di utenti passa per la conquista dei mercati emergenti. Laddove il 4G è ancora un miraggio

Facebook apre ai soprannomi e agli pseudonimi

Partiranno da dicembre i primi test sull'introduzione della novità fortemente chiesta dalla comunità Lgbt e dai nativi americani

Così Facebook diventerà la nuova Second Life

Nel 2025 il progetto che teletrasporterà gli iscritti in un mondo virtuale, specchio di quello reale. Ecco come

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965