Smartphone & Tablet

Storiter, la app che incoraggia la lettura sul bus

Calcola il tempo di percorrenza sui mezzi pubblici e propone articoli in linea con i nostri gusti. Creata da un giovane romano, arriva nel 2015

Storiter

Marco Morello

-

Siamo alla fermata dell’autobus e scorriamo stancamente gli aggiornamenti di Facebook o, con un dito, facciamo saltare un uccellino nello spazio stretto tra due tubi. Siamo a bordo della metropolitana e guardiamo foto di Instagram già viste e riviste. Non impieghiamo quei preziosi attimi della giornata per leggere un articolo o il capitolo di un libro perché, pigrizia a parte, spesso non sappiamo quanto servirà per giungere a destinazione. Perché temiamo che non basterà il tempo per arrivare in fondo a un testo e saremo costretti ad abbandonarlo sul più bello.

Dall’esigenza di ritagliare e destinare lo spazio giusto alla lettura in mobilità nasce l’idea di Storiter, app inventata dal 22enne romano Giorgio Pomettini. Sarà lanciata nel corso del 2015, è dedicata ai pendolari e agli habitué di tram, bus e affini, funziona in modo davvero semplice: «Acquisisce la tua posizione» spiega il creatore «e ti chiede dove vuoi andare. Calcolando una serie di variabili, incluso il traffico lungo il percorso o l’attesa alla palina, stima quanto ci metterai». Fin qui niente di diverso rispetto a indicazioni che si possono trovare su Google Maps o sui siti delle aziende di trasporto pubblico locale, ma è proprio ora che viene il bello.

Storiter schermata

– Credits: Storiter

Storiter si connette al nostro account di Facebook e impara a conoscerci grazie ai «like» che abbiamo lasciato sul social network («non memorizziamo i dati e non ci servono per altri scopi» chiarisce Pomettini), così può proporci uno una serie di articoli in linea con i nostri gusti. Non articoli qualunque, ma della lunghezza giusta per essere letti dall’inizio alla fine durante il tragitto. E se qualche proposta – o tutte – di questa playlist di parole non dovesse piacerci, possiamo scartarla. Ne riceveremo un’altra, sempre adatta alla quantità di minuti che abbiamo a disposizione per digerirla per intero.

Il punto di forza della app è un algoritmo che partendo da una stima del tempo di lettura medio di un testo, capisce qual è la nostra velocità nel terminare un contenuto e si regola di conseguenza. Un algoritmo che si migliora uso dopo uso, apprendendo dagli articoli che scartiamo e da quelli che leggiamo cosa gradiamo davvero e cosa no. Pomettini sta sviluppando la sua idea assieme a un altro giovane, il grafico 23enne Edoardo Torda. E anticipa: «L’interfaccia sarà minimalista. Vogliamo privilegiare il contenuto, non il contenitore. E non avrà pubblicità, perché gli annunci finirebbero per rovinare l’esperienza che vogliamo ottenere. Al massimo proporremo un abbonamento annuale simbolico per mantenere i server».

Storiter inside

– Credits: Storiter

La app è stata presentata durante la «Mobility Hackaton», una maratona di 36 ore organizzata dall’acceleratore di start-up Luiss Enlabs assieme all’Atac, l’azienda del trasporto pubblico romano. Lo scopo della manifestazione era proprio quello di trovare applicazioni utili per migliorare l’esperienza della mobilità cittadina. Storiter è stata molto apprezzata e ha ricevuto un premio speciale da Rds, media partner dell’iniziativa: «Abbiamo visto una correlazione interessante tra l’entertainment company di Rds e l’applicazione in quanto entrambi abbiamo l’obiettivo di gratificare i passeggeri in viaggio sui mezzi pubblici e privati con contenuti multimediali interessanti» spiega Massimiliano Montefusco, direttore marketing e comunicazione di Rds.

App Storiter

Da sinistra Giorgio Pomettini, Edoardo Torda e Massimiliano Montefusco

Oltre ad aver ricevuto un incoraggiamento per sviluppare al meglio la loro intuizione (e biglietti per concerti ed eventi della prossima stagione), i ragazzi saranno contattati da Rds e potrebbero essere selezionati per far parte della futura squadra di ricerca e sviluppo della radio. Il percorso di Storiter, comunque, andrà avanti a prescindere e nel corso del 2015 sarà rilasciata la versione per iPhone e iPad. Che potrebbe spingerci a impiegare in modo più proficuo il tempo che trascorriamo sui mezzi pubblici. D’altronde, ne è convinto Pomettini, ogni viaggio ha la sua storia. Sta a noi scrivere la migliore possibile. Anche solo con una buona lettura.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le 5 applicazioni da scaricare prima di mettersi in viaggio

Dalle guide per trovare siti di interesse storico ai traduttori automatici: ecco le app che non possono mancare nella valigia del viaggiatore 2.0

5 app per non affogare tra le notifiche del tuo smartphone

Sempre più app social significa ricevere sempre più notifiche. Ecco cinque strumenti per organizzare la propria attività mobile

Reverse, la app italiana per riscoprire il volto passato delle città

Tra le finaliste mondiali della Imagine Cup di Microsoft, con la realtà aumentata sovrappone immagini storiche a piazze e monumenti 

Commenti