Smartphone & Tablet

Sony Xperia M4 Aqua: la classe media va in paradiso

Il prezzo sta nel mezzo, ma le prestazioni sono da top di gamma. Soprattutto sul fronte multimediale

Sony Xperia M4 IMG_6229

Roberto Catania

-

Dal MWC di Barcellona 

Lo Z4, o qualsiasi sarà il nome del nuovo smartphone “top” di Sony, può attendere. Lo Z3 è ancora piuttosto giovane, e poi la casa giapponese ha altre priorità per il momento. Ad esempio tamponare l’offensiva cinese, ultimamente fattasi piuttosto aggressiva, soprattutto nella fascia fra i 300 e i 400 euro. È qui che la multinazionale di Tokyo vuole concentrare le sue forze, e lo si capisce in modo palese guardando il nuovo Sony Xperia M4 Aqua, probabilmente - anzi sicuramente - lo smartphone più interessante mai partorito da Sony per rapporto qualità-prezzo.

 

Non si potrebbe giudicare altrimenti un telefono da 299 euro che integra al suo interno una tale quantità di risorse pregiate, sia a livello hardware che software. Basta un primo rapidissimo sguardo del terminale per rendersene conto. Lo stile è quello degli inconfondibili modelli “premium” del produttore, come lo Z2 e lo Z3: il display da 5 pollici da un lato (1280 x 720 pixel la risoluzione), la cover effetto vetro dall'altro; nel mezzo un corpo ben bilanciato (136 grammi il peso complessivo) ed impermeabile, proprio come nella migliore tradizione Sony.

Dentro c'è un processore octa-core
Ma le sorprese sono soprattutto all’interno. Il nuovo Sony Xperia M4 Aqua si presenta infatti con un processore octa-core 64-bit di estrazione Qualcomm - lo Snapdragon 615, per gli amanti delle sigle - un'unità che ha potenza da vendere, sia sul piano delle prestazioni (la connettività 4G LTE è di serie) sia in termini di durata: si parla di due giorni di autonomia in regime di utilizzo misto, con la possibilità di arrivare a due settimane attivando l’ultra risparmio energetico previsto dalla modalità “Stamina”.

Foto e video in spolvero  
Le buone notizie non si fermano qui. Sony Xperia M4 Aqua ha ancora tanto da raccontare in tema di multimedialità, e in modo particolare sul fronte fotografico. I due obiettivi integrati, quello posteriore basato su un sensore da 13 megapixel (con apertura F2.0 e sensibilità fino a 3200) e quello anteriore da 5 megapixel (con obiettivo grandangolare da 88 gradi), rappresentano una garanzia in termini di velocità, risoluzione e luminosità. Gli scatti di prova che abbiamo potuto effettuare coi primi sample del terminale allo stand allestito da Sony al Mobile World Congress sono stati piuttosto confortanti: foto e video (Full HD) sembrano avere poco da invidiare a quelli sfornati da tanti altri smartphone di rango superiore.

Sony Xperia M4 IMG_6243

Sony Xperia M4 Aqua – Credits: Roberto Catania

Il resto arriva dal software, ovvero da tutte quelle piccole e grandi funzionalità create ad hoc per semplificare la vita del fotoamatore. Il sistema Superior Auto risolve perentoriamente qualsiasi dubbio di configurazione, rilevando automaticamente fino a 52 diverse tipologie di scenario, dal soggetto in penombra in ambiente indoor al ritratto in spiaggia in controluce; Sound Photo consente invece di aggiungere brevi clip alle fotografie; Movie Creator converte infine automaticamente le foto e le clip in presentazioni video da trenta secondi. Inevitabile l'omaggio agli amanti del genere selfie: oltre al già citato obiettivo grandangolare, Sony dedica loro anche un sistema di fotoritocco creativo (Portrait Retouch) per il condimento creativo degli autoscatti.

Sony Xperia M4 IMG_6248

Kazuo Hirai presidente e CEO di Sony presenta le novità della società al MWC di Barcellona – Credits: Roberto Catania

Sony Xperia M4 Aqua arriverà sul mercato entro la prossima primavera, già equipaggiato con l’ultima versione di Android (Lollipop 5.0). Compresa nel prezzo la sottoscrizione a Xperia Lounge Silver, il servizio che offre aggiornamenti app e software durante l’intero ciclo di vita del prodotto, e l’accesso ai film e alle serie Tv di Privilege Plus Movies.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La recensione del Sony Xperia Z3

Abbiamo provato la punta di diamante dell’azienda giapponese. Pro e contro dello smartphone più glamour in circolazione

Smartwatch, ecco perché Sony ne farà uno composto interamente di e-paper

Sony sta pensando a uno smart-orologio in cui non ci sarà differenza tra display e cinturino. Obiettivo: convincere gli indecisi

Cinque film Sony hackerati. Colpa della Corea del Nord (e di James Franco)

Secondo alcuni, il leak di Sony potrebbe essere stato ordinato dal governo nordcoreano in risposta a un film satirico su Kim Jong Un

Sony Alpha 7 II: le dieci cose da sapere

La mirrorless full frame della casa giapponese si rifà il trucco. Arricchendosi - fra le altre cose - di un nuovo sistema di stabilizzazione

Sony SmartEyeglass vs Google Glass, occhiali intelligenti a confronto

I nuovi smart-occhiali di Sony utilizzano un display a tutta lente e costano meno dei Glass. Ma il problema privacy rimane

Commenti