Smartphone & Tablet

Smartwatch, ecco perché Sony ne farà uno composto interamente di e-paper

Sony sta pensando a uno smart-orologio in cui non ci sarà differenza tra display e cinturino. Obiettivo: convincere gli indecisi

7157964756_cfb071bdda_k

Fabio Deotto

-

Solo due settimane fa, Sony ha lanciato sul mercato la terza iterazione del suo SmartWatch, ma a quanto pare l'azienda giapponese è già pronta a proporre un tipo di smart-orologio completamente diverso.

Stando a un report uscito in queste ore su Bloomberg, Sony starebbe lavorando a uno smartwatch in e-paper, un tipo di carta elettronica simile a quella utilizzata per i display dei Kindle.

Direte voi: ma c’è già Pebble! E avete ragione, Pebble ormai si è ritagliato un posto di spicco nel sempre più affollato panorama degli smartwatch: è economico, leggero, ha un’autonomia che gli altri smartwatch si possono sognare e riduce le funzionalità all’essenziale. Perché allora Sony dovrebbe produrre qualcosa che c’è già?

Ed è qui il punto: se Pebble ha un display in e-paper, il prossimo smartwatch Sony sarà interamente composto di carta elettronica, cinturino compreso. Che si tratti di un’unica fascetta indossabile come un braccialetto o di un dispositivo più simile a un tradizionale orologio, una cosa è più o meno certa: l’utente potrà interagire con qualunque punto della sua superficie.

Non è dato conoscere ulteriori dettagli su questo innovativo dispositivo indossabile, è tuttavia assai probabile che non si tratterà di uno smartwatch autonomo, quanto piuttosto di un dispositivo second screen da appaiare a uno smartphone o a un tablet.

La scelta di concentrarsi su un simile smartwatch potrebbe essere dettata dalla necessità di Sony di riprendere velocità dopo anni poco entusiasmanti, e dalla volontà di imporsi sul mercato con proposte coraggiose e alternative ai trend attuali.

In questo senso, uno smart-orologio interamente costituito da e-paper andrebbe ad accontentare tutti quei consumatori che privilegiano l’autonomia di carica e la semplicità di utilizzo a un concentrato di applicazioni e funzionalità innovative.

Ma soprattutto, la scelta di utilizzare solo e-paper potrebbe consentire di produrre un modello di smartwatch più sottile, leggero e in definitiva elegante. Considerando che molti utenti dichiarano di non acquistare uno smartwatch per ragioni di estetica, potrebbe risultare una mossa vincente.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ecco perché se hai un iPhone vorrai anche l’Apple Watch (e perché no)

Un oggetto per certi versi irresistibile ma che impone anche qualche sacrificio. Non solo economico

Lg G Watch R: perché è lo smartwatch migliore (per ora)

Un sistema operativo maturo, sensori per il monitoraggio dell’attività fisica e un design finalmente convincente

Jumpy, ecco perché gli smartwatch sono roba per bambini

Jumpy è uno smartwatch per bambini. Loro lo indossano per giocarci, il genitore ne approfitta per controllare se fanno abbastanza movimento

Commenti