Smartphone & Tablet

Il Pixel 4? Troppo simile all'iPhone 11

Diffuse online le prime immagini di render del prossimo Google Pixel 4, che sembra una fotocopia Android di ciò che dovrebbe essere il nuovo iPhone 11

Google Pixel 3 00017

Antonino Caffo

-

L'estate dei telefonini di punta dei big hi-tech entra nel vivo. Se sappiamo praticamente per certo che Apple svelerà a settembre il suo iPhone XI oppure iPhone 11, qualche settimana prima avremo conosciuto il Note10 di Samsung e qualche tempo dopo sia il Mate 40 e Mate 40 Pro di Huawei (con sistema proprietario?) che i Pixel 4 e Pixel 4 XL.

E proprio su questi ultimi ci concentriamo oggi, visto che su Twitter sono comparsi i primi rendering del telefono. Si tratta dei disegni realizzati a computer a seguito dei rumors che vanno per la maggiore e se pensiamo che finora non ne abbiamo ricevuti praticamente nessuno, possiamo considerare quelli di @OnLeaks come le indiscrezioni d'apertura dei Pixel 4.

Quattro fotocamere

I rendering, apparentemente basati sugli schemi dei prototipi, mostrano il Google Pixel 4 con una fotocamera posteriore in modalità quadrupla, praticamente la stessa che circola in rete e che dovrebbe essere accoppiata all'iPhone 11. Sul davanti invece una classica tacca, il solito notch, a rendere meno evidente la presenza della fotocamera frontale. Entrambi i lati, a dirla tutta, sembrano rubati ai disegni del melafonino 2019, di cui ovviamente non vi è alcuna certezza estetica se non i continui leak periodici.

Le nuove immagini non sono molto dettagliate, ma mostrano anche un particolare rilevante degli altoparlanti inferiori, che non lasciano spazio ad alcun jack per le cuffie. Del resto, il trend pare evidente ed è quello di lasciare sempre più campo all'audio via Bluetooth, eliminando per sempre i cavetti.

Niente tasti

In assenza di pulsanti fisici, la novità sarà la presenza di un lettore di impronte in-display, montato sotto lo schermo, come sul Galaxy S10+. Altri pensano che lo stesso sensore sarà presente sul lato destro, in maniera simile a ciò che faceva Sony sugli Xperia di un tempo, ma non abbiamo certezze.

Evidentemente, c'è ancora un sacco di confusione in materia ed è perché mancano alcuni mesi alla conferenza di presetnazione. In vista di ottobre, se ne saprà di più, dal momento in cui i concorrentiavranno fatto le loro mosse, Google non potrà più nascondersi.

© Riproduzione Riservata

Commenti