La premessa è d’obbligo. Gli autovelox, se utilizzati con criterio, possono essere un efficace strumento per limitare la velocità sulle strade e, di conseguenza, gli incidenti. Purtroppo, però, in molti casi questi strumenti vengono utilizzati dalle Amministrazioni Pubbliche in modo indiscriminato e senza le opportune segnalazioni.

Risultato: gli automobilisti si ritrovano a guidare in modo nervoso e anomalo, quasi fossero in una vera e propria corsa a ostacoli. C’è chi procede con il pedale piantato sul freno, pronto a inchiodare per evitare la salatissima sanzione, chi invece si è stampato la mappa degli autovelox stilato dal sito della Polizia di Stato.

C’è poi una frangia di automobilisti tecnologici che ha scelto una terza via: le app da scaricare sullo smartphone con le indicazioni delle postazioni fisse, mobili, semafori controllati, tutor e altro ancora. In questa fotogallery vi sveliamo quali sono le migliori.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ecco come ti truffo l'autovelox

L'ultima idea di un uomo che riusciva a modificare il numero di targa con una congegno da 007 davanti ai rilevatori

Multe e autovelox a Roma: chi ci guadagna?

L'assessore alla Mobilità assicura: "Non è vero che ci facciamo cassa"

Autovelox, la nuova supertassa comunale

Spuntano come funghi: a Milano, Roma, Bologna, ma anche nelle piccole città. Altro che Tasi e Tari: sono i radar stradali a garantire alle esauste casse municipali i più facili incassi. Ma monta la protesta

Autovelox: le regole da rispettare e come difendersi

Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo, spiega quali sono i requisiti di legge che devono rispettare e come l’automobilista possa difendersi

Commenti