Smartphone & Tablet

Light, lo smartphone da 16 fotocamere

Una startup vuole portare le fotocamere mobile alla qualità di una reflex combinando diverse lenti e sensori. Si parla di 52 megapixel

lightr1x519

Fabio Deotto

-

Problema: vuoi integrare in uno smartphone una fotocamera capace di eguagliare la qualità garantita dalle DSLR, ma non è ancora possibile ridurre a sufficienza i costi e le dimensioni della tecnologia necessaria. Che fai?

Soluzione: Cerchi di aggirare il problema utilizzando più lenti e più sensori.

L’idea è venuta a una startup californiana di nome Light, che attualmente sta approntando un prototipo con l'ambizione di rendere questa tecnologia disponibile per smartphone e altri dispositivi entro il 2016. Per ora, Light ha allestito un array di 16 fotocamere (ognuna costituita da una coppia lente-sensore), caratterizzate da lunghezze focali di 35, 70 e 150 millimetri.

L’obbiettivo finale è sviluppare una fotocamera multilente e multisensore che a ogni scatto catturi diverse immagini in simultanea utilizzando prospettive leggermente differenti. Combinando poi gli input di tutti i sensori sarebbe possibile ottenere un’immagine finale a 52 megapixel.

Sulla carta, le fotocamere Light consentiranno di aggiustare il fuoco di un’immagine dopo averla scattata, una funzionalità su cui Lytro ha basato il suo successo. La differenza tra Light e Lytro è che nel primo caso per ogni lente c’è un diverso sensore ottico, mentre nel secondo un array di lenti fa capo a un solo sensore.

Ma anche nel caso in cui la tecnologia di Light si rivelerà efficace, perché la startup possa avere successo e raggiungere il mercato dovrà prima riuscire a ridurre sufficientemente i costi e le dimensioni del suo prototipo. Allo stato attuale infatti l’array confezionato da Light richiederebbe uno smartphone di spessore leggermente superiore alla media, e un costo per i materiali di base compreso tra i 50 e i 60 dollari (significativamente maggiore a quello delle fotocamere incluse negli smartphone di fascia alta).

Per ora Light sembra avere il vento in poppa, nell’ultima tornata di finanziamenti ha portato a casa ben 9 milioni di dollari e a breve è attesa l’ufficializzazione di un contratto con Foxconn.

In parole povere, il problema posto a inizio pezzo sembra essere stato risolto correttamente, e se tutto va come deve andare, a breve un colosso hi-tech (Samsung?) potrebbe decidere di promuovere a pieni voti l’alunno californiano.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I 10 migliori accessori da attaccare alla fotocamera dello smartphone

Dalla corazza per le foto subacquee all'asta telescopica per i selfie: una carrellata dei più interessanti (e curiosi) gadget per scattare da cellulare

Kodak Instamatic 2014: arriva la fotocamera smartphone vintage

Un concept dello storico marchio potrebbe diventare realtà nel corso del 2015, forse già al CES di Las Vegas

Lytro Illum, come funziona la fotocamera che cambierà il nostro modo di scattare

Un innovativo sistema di elaborazione consente di scegliere il punto di messa a fuoco (e non solo) dopo lo scatto. Trasformando la foto in un oggetto dinamico ed esplorabile

Commenti