Smartphone & Tablet

Lg, l'alternativa al Note Edge avrà due display ricurvi!

Entrambi i bordi del telefono degradano seguendo un profilo curvo, "regalando" agli utenti un secondo e un terzo schermo supplementare

Samsung_Galaxy_Note_Edge_DSC_0358 (Large)

Roberto Catania

-

A Seoul sono diventati maestri nell’arte di curvare i display. Chiunque abbia avuto modo di farsi un giro negli stand di Lg e Samsung all’ultimo CES di Las Vegas se ne sarà reso conto: non c’è gadget tecnologico che sappia resistere alla tentazione di farsi uno schermo dalle linee morbide, sinuose, avvolgenti. Smartphone, televisori, monitor per PC e molto altro ancora: quella messa in atto dai due produttori coreani è una vera e propria rivoluzione copernicana che punta scardinare il concetto secondo il quale un gadget tecnologico debba essere necessariamente piatto.

La tendenza è palese nel settore più effervescente dell’hi-tech, quello degli smartphone, laddove la competizione sembra più aperta che mai: se Lg ha avuto il merito di aprire le danze con il suo G Flex (ora aggiornato G Flex 2), Samsung si è distinta per la capacità di unire l’utile al dilettevole con un terminale - il Galaxy Note Edge - che sfruttando proprio un secondo display ricurvo punta a stravolgere il modello di interazione, oltre che di visione.

Un esperimento, quest’ultimo, che sembra aver incuriosito non poco i cugini di Lg che proprio a Las Vegas hanno mostrato il prototipo di uno smartphone dal form factor piuttosto simile. Qualcuno lo ha già ribattezzato il primo telefono dual-edge, e non è difficile capire il perché: l’ultimo ritrovato di Lg si caratterizza infatti per la presenza di due display ricurvi su entrambi i bordi del telefono

 

Il piccolo miracolo è reso possibile dall’impego di una tecnologia (Active Bending) che assomiglia in tutto e per tutto a quella già utilizzata da Samsung per il suo Note Edge: entrambi i display ricurvi possono lavorare all’unisono con il display principale (ad esempio durante le sessioni di navigazione su Internet) oppure in maniera totalmente indipendente, fungendo in pratica da secondo ( e terzo) schermo del dispositivo quando si tratta di ricevere notifiche o gestire più applicazioni contemporaneamente.

Il prototipo visto a Las Vegas utilizzava uno schermo da 6 pollici con risoluzione da 1280 x 720 pixel, ma non è detto che Lg decida di optare per un'altra configurazione al momento della commercializzazione.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lg G Watch R: perché è lo smartwatch migliore (per ora)

Un sistema operativo maturo, sensori per il monitoraggio dell’attività fisica e un design finalmente convincente

Lg G4 avrà il pennino, come il Galaxy Note

Per il suo prossimo portacolori, la casa coreana starebbe pensando a uno stilo capacitivo. L'annuncio forse già a Marzo 2015

LG G Flex 2, ecco l'evoluzione dello smartphone curvo

Display da 5,5 pollici, processore octa-core, cover che si ripara da sola, ricarica superveloce. Tutte le caratteristiche del telefonino svelato al Ces 2015

Samsung Galaxy Note Edge: probabilmente lo smartphone più innovativo dell’anno

Ecco perché l'introduzione di un secondo display arrotondato sul bordo del terminale potrebbe avere un impatto molto profondo su tutto il settore

Samsung Galaxy Note Edge, la video-recensione

La presenza di un secondo display ricurvo sul bordo del telefono promette di rivoluzionare il concetto di smartphone. Ma il prezzo non è per tutti

Commenti