Roberto Catania

-

Dal MWC di Barcellona

Per avere uno schermo grande non serve un telefono grande. Per Lg esiste un modo più intelligente e soprattutto razionale per conciliare le manie di “grandezza” degli utenti con la necessità di limitare ingombri. La dimostrazione è andata in scena al Mobile World Congress di Barcellona con l’annuncio del nuovo G6, il primo telefonino in formato 18:9, un rapporto dimensionale mutato dal mondo cinematografico per offrire un'esperienza più coinvolgente, soprattutto durante lo streaming di video e giochi.

È come avere uno spazio utile da 5.7 pollici in un corpo da 5,2 pollici, spiegano i responsabili della società coreana, sottolineando il lavoro di cesello compiuto a livello di calibrazione delle cornici, ridotte praticamente all’osso - grazie alla riorganizzazione della fotocamera, del sensore e dell'altoparlante, ora in un’unica linea in alto - pur di consentire un migliore sfruttamento degli spazi. Ne consegue un telefono che a dispetto delle dimensioni extra-large dello schermo sta comodamente nel palmo di una mano.

Impermeabile e piatto
Dimensioni a parte, il nuovo G6 si presenta con un design molto pulito che sfrutta la combinazione fra alluminio e vetro. L’idea del telefono modulare che aveva contraddistinto il precedente modello della serie (G5) è stata accantonata a favore di una più convenzionale struttura basata su un telaio metallico e una cover posteriore in vetro (Gorilla Glass) dal profilo piatto (gli sbalzi in concomitanza della fotocamera posteriore sono, per fortuna, un lontano ricordo).

Il nuovo G6 è anche il primo smartphone di Lg resistente alla polvere e all’acqua; il trattamento impermeabilizzante (IP68) cui è stato sottoposto il dispositivo, assicura Lg, consente all’ultimo nato della Serie G di essere immerso fino a un massimo di 1,5 metri d’acqua per un totale di 30 minuti.

Supporta l'HDR
Il gigantesco display in 18:9 (basato su un pannello QHD+ FullVision da 2880 x 1440 pixel di risoluzione) non è l’unica concessione al mondo cinematografico: fra le tecnologie supportate dal nuovo G6 troviamo infatti anche l’HDR, lo standard sviluppato per garantire una più ampia riproduzione della gamma cromatica e una migliore gestione della luminosità sui contenuti girati in formato Dolby Vision e HDR10.

Quanto al resto della dotazione interna vale la pena sottolineare l'innesto di un processore Qualcomm Snapdragon 821, qui corredato da 4 GB di Ram, la connettività Wi-Fi 802.11 a, b, g, n, ac, Bluetooth 4.2, NFC, USB Type-C 2.0 (compatibile 3.1), memoria da 32 GB (espandibile) e la batteria da 3.300 mAh.

Fotocamera: due grandangoli (davanti e dietro) per aumentare il campo visivo
Meritano un cappello a sé le funzionalità fotografiche, affidate a un doppio obiettivo posteriore da 13 megapixel con ottica grandangolare da 125 gradi. L'obiettivo, spiega la società, è quello di ampliare l’angolo di campo ma senza quei fastidiosi fenomeni di distorsione ai bordi che spesso caratterizzano soluzioni di questo tipo. Di larghe vedute è pure la fotocamera frontale da 5 megapixel: l’idea di un grandangolo, in questo caso da 100 gradi, dovrebbe consentire di ampliare il raggio di inquadratura nei selfie, includendo soggetti e particolari che normalmente resterebbero fuori dalla scena.

Rinnovata anche l’interfaccia fotografica: lo spazio di visualizzazione può essere suddiviso in due quadrati identici, facilitando così il lavoro di confezionamento per Instagram, Snapchat e le altre app di social media. Gli utenti possono anche scegliere altri formati come il 4:3, 16:9 e il 18:9, scattare fotografie in 1:1 e visualizzarle in una finestra, mentre caricano e modificano altre immagini in una seconda finestra subito dopo lo scatto. A ciò si aggiunge la possibilità di creare immagini GIF combinando da 2 fino a 100 foto all'interno di una galleria.

Software: con Android 7.0 c'è anche Google Assitant
Sul piano software, il nuovo LG G6 si basa sull’ultima versione di Android (Nougat 7.0) e sull'ultima versione dell'interfaccia custom di Lg (UX 6.0), rivista alla luce delle nuove opportunità concesse dallo schermo in 18:9. Il beneficio è evidente non solo sul piano grafico ma anche su quello funzionale: la nuova user interface consente infatti di adattare le viste in base al tipo di contenuto riprodotto (che si tratti di contenuti video piuttosto che di navigazione web) e di essere più versatile nella gestione delle applicazioni multiple, anche in multitasking.

Il G6 è anche il primo smartphone di Lg a integrare di serie Google Assistant, l’assistente virtuale (purtroppo non ancora disponibile in italiano) che impara dalle abitudini dell’utente per offire risposte più veloci e pertinenti alle sue richieste.

Chiudiamo dando uno sguardo a disponibilità e costi: il nuovo G6 arriverà nei negozi a partire dal mese aprile in tre differenti colorazioni (Astro Black, Ice Platinum, Mystic White); il prezzo suggerito sarà di 749 euro.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

iPhone 7, S7 o Android: qual è il telefono con la fotocamera migliore?

Il nuovo Melafonino sfida il portacolori di Samsung e altri 4 top di gamma Android (Huawei P9, Lg G5, One Plus 3, Moto Z Play). Ecco chi vince

Lg G5, ecco perché è uno smartphone diverso dagli altri

Un telefono modulare che si arricchisce con una serie di componenti esterni. Ecco come funziona e cosa può fare

LG G5: cos'è il Magic Slot

Il prossimo smartphone della serie G avrà un ingresso a cui attaccare di tutto, anche visori per la realtà virtuale

K4, K8 e K10: il 2017 di Lg si apre con tre telefonini da meno di 200 euro

La casa coreana rinfresca il suo portfolio Android con tre nuovi dispositivi dal prezzo molto competitivo. Ecco cosa offrono

Commenti