Roberto Catania

-

In attesa di mostrare al mondo l’erede del suo attuale portacolori, il P10 (il cui debutto è atteso per il prossimo Mobile World Congress di Barcellona), Huawei annuncia al pubblico il suo ultimo dispositivo entry-level. Si tratta del nuovo P Smart, smartphone da 5.65 pollici che a dispetto del prezzo tutt’altro che proibitivo – in Italia il cartellino suggerito sarà di 259 euro – mette sul piatto tutta una serie di primizie tecnologiche che di solito fanno parte del pedigree dei cosiddetti "top di gamma".

La più succosa è quella che riguarda lo schermo da 5,65 pollici, che qui occupa quasi tutta la superficie frontale del telefono grazie al sapiente lavoro di riduzione delle cornici. Il risultato è un oggetto dalle dimensioni tutto sommato contenute che permette la visualizzazione a tutto schermo (Huawei parla di “full view”) di contenuti multimediali quali foto, video e film in streaming.

Huawei P Smart

– Credits: Huawei

Lettore di impronte e doppia fotocamera posteriore

La configurazione "a giorno" ha reso necessario lo spostamento del lettore di impronte digitali sul lato B del telefono, proprio al di sotto della “striscia” che ospita la doppia fotocamera posteriore (con sensori rispettivamente da 13 e 2 megapixel). Il P Smart integra anche una terza fotocamera, frontale, che promette selfie più accurati con effetto profondità o bokeh che dir si voglia.

Fra le altre caratteristiche di spicco del P Smart vale la pena sottolineare il doppio slot per l’inserimento di due SIM card (o, in alternativa, di una SIM e una microSD), ll processore Kirin 659 octa-core (con 3 GB di RAM) e la batteria integrata non rimovibile da 3.000 mAh. Il sistema operativo è ovviamente Android, già aggiornato all’ultima versione (la 8.0 Oreo).

Con gli operatori costa meno

Huawei P Smart sarà disponibile a partire da fine gennaio sia nel mercato libero che in quello sussidiato dagli operatori. Huawei ha già fatto sapere che il telefono entrerà infatti nel catalogo di Tim, Vodafone, Wind Tre con pacchetti in bundle che prevedono l’acquisto a rate del telefono in combinazione con i piani voce e dati.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I segreti del successo di Huawei

Come ha fatto la società cinese a diventare in soli cinque anni il terzo costruttore di smartphone del mondo. Su Panorama in edicola l'11 gennaio 2018

Perché l’accordo tra Huawei e gli operatori USA è saltato

Il Senato avrebbe spinto AT&T e Verizon ad abbandonare il piano di inserire il Mate 10 nei loro cataloghi per paura di uno spionaggio cinese

Cosa c’è dentro il nuovo Huawei Experience Store di Milano

Tutti i prodotti (smartphone compresi), ma anche una serie di opportunità per chi vuole conoscere più da vicino i valori del marchio

Commenti