Roberto Catania

-

Da Berlino

I videogamer di lungo corso lo sanno da tempo. Per giocare, anzi, per videogiocare, servono risorse dedicate: CPU potenti, schede grafiche al fulmicotone, insomma strumenti di alto livello in grado di migliorare le performance di gioco e – possibilmente – di ridurre quel margine di errore che nel frenetico mondo del gioco digitale possono fare la differenza fra una partita vinta e una persa.

Se nel mondo PC tutto questo si traduce in componenti  e periferiche iper-reattive, nel mondo dei dispositivi tascabili non esiste ancora un vero e proprio filone dedicato. Da qui l’idea di Honor: realizzare una nuova linea di smartphone espressamente pensata per il gaming.

Capostipite di questa nuova progenie di telefoni per il videogiocatore che non deve chiedere mai è il nuovo Honor Play, un dispositivo le cui risorse chiave – citiamo fra le altre il display da 6.3 pollici in formato 19,5:9, il processore Kirin 970 NPU e la doppia fotocamera posteriore – sono state ottimizzate per migliorare velocità, grafica e consumi, forse i tre aspetti che pesano di più durante l’esperienza di gioco.


Honor Play

– Credits: Honor

Una GPU "turbo" per le sessioni più impegnative

Honor ha lavorato soprattutto sul superamento dei limiti tecnici che "castrano" i cellulari di ultima generazione. A togliere le castagne dal fuoco è soprattutto l’innesto di un processore grafico - Honor GPU Turbo - che grazie a una più sapiente combinazione fra risorse hadware e software promette di aumentare drasticamente le performance nelle fasi di gioco più impegnative.

Per aver un’idea del salto in avanti rispetto al passato, ci spiega George Zhao, Presidente di Honor, basti pensare che ll framerate del nuovo Play arriva a essere 12 volte più veloce del Samsung Galaxy S9 Plus e senza che ciò si ripercuota a livello di consumi, anzi. La batteria del nuovo Honor Play, assicura il responsabile del brand nato da una costola di Huawei, è in grado di garantire fino a 4.5 ore di gioco intenso, con una riduzione dei consumi fino al 30% rispetto alla media dei telefonini in commercio.


Honor Play

– Credits: Honor

Effetti sonori e AI per migliorare il livello di realismo  

Al miglioramento dell’esperienza di gioco giova anche l'enfasi sulle risorse audio e la massiccia dose di intelligenza artificiale presente a bordo. Honor Play sfrutta tecnologie 4D, effetti sonori “tridimensionali” e vibrazioni sincronizzate con oggetti e scenari all’interno del gioco. Il risultato finale, particolarmente apprezzabile su titoli sparatutto, si traduce in un’esperienza più immersiva e, dunque, più realistica

Honor Play è disponibile in tre versioni standard (Midnight Black, Navy Blue, Ultra-Violet) e in una più aggressiva edizione Player Edition in due varianti di colore (rossa e nera). 329,90 euro il prezzo consigliato.

Per saperne di più 

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Honor 7X, anche la classe media ha il suo 18:9

Il brand nato da una costola di Huawei annuncia il suo primo smartphone a cornici ridotte. A un prezzo che si mantiene sotto i 300 euro

Honor 9, la recensione

Cosa ci ha convinto (e cosa no) del nuovo portacolori del brand “giovane” di Huawei

Honor 8 Pro, prime impressioni

Design, caratteristiche, foto, prezzo: ecco come si presenza la versione XL del top di gamma del brand di Huawei

Commenti