Smartphone & Tablet

Google sa cosa contengono le nostre foto

Il nuovo Google Foto sarà in grado di trovare soggetti e oggetti all'interno della scena. Ecco come funzionerà

Google Foto Cover

Roberto Catania

-

Le foto parlano, nel vero senso della parola. Grazie ai progressi dei software di riconoscimento delle immagini, potremo letteralmente "dialogare" con i nostri archivi d’immagine, e Google è pronta a mostrarci come.

Leggi anche: How-old.net, come funziona il sito che (non) indovina la nostra età


La prossima settimana, in occasione della tradizionale conferenza con gli sviluppatori (I/O 2015), la grande G presenterà il refresh di Photos, l’applicazione per l’archiviazione e l’organizzazione delle foto sui cellulari Android, e la novità principale sarà a quanto pare un sistema di ricerca “ semantica” che permetterà di scovare soggetti e oggetti all’interno delle immagini.

A rivelarlo, il sito specializzato Android Police che parla di un’app riprogettata da zero e sganciata da Google+ che, oltre a archiviare e organizzare le foto, permetterà di effettuare ricerche per tag specifici - ad esempio "fiori", "animali", "automobili" - sfruttando un software capace di riconoscere automaticamente gli item all’interno della scena.

 

Il nuovo Google Foto, inoltre, lascerà agli utenti la possibilità di organizzare le foto per intervalli di tempo (giorni, settimane, mesi), o attraverso il classico mosaico di anteprime.

Riviste anche alcune gesture per il browsing e la selezione rapida delle foto, nonché alcune funzionalità per l’editing. La più interessante fra queste risponde al nome di Assistant, un vero e proprio assistente virtuale in grado generare in automatico filmati, presentazioni, album e collage, pescando dai contenuti salvati sul rullino.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Google: un'app fotografica per spaventare Facebook e Twitter

Il gigante sarebbe vicino al lancio di un nuovo servizio già parte del social network Google+. Le novità alla conferenza I/O del 28 maggio

How-old.net: a cosa serve un sito che (non) indovina la nostra età?

Microsoft scommette sull’età degli utenti: ma l’obiettivo è il controllo del Web visuale

Commenti