Smartphone & Tablet

Glovo, la app che fa la spesa al posto nostro

Basta selezionare cosa serve, dalla frutta alle medicine, dal vino ai fiori, i fattorini del servizio vanno a comprarlo e lo recapitano dove indicato

Glovo-apertura

Marco Morello

-

Siete influenzati e a corto di medicine, avete fatto la spesa ma dimenticato il vino, il detersivo, un regalo? Nessun problema. Alle piccole incombenze quotidiane provvede Glovo, un servizio disponibile per ora a Milano, entro dicembre a Roma, più avanti in altre località italiane. La logica è quella dell’«anything delivery», della consegna di qualsiasi cosa sia in vendita o trasportabile da un punto all’altro della città: si scarica l’applicazione, si indica ciò che serve, un fattorino va a comprarlo o a ritirarlo dove indicato e lo recapita in fretta all’indirizzo preferito.

Glovo-schermata

Il costo massimo di 5,90 euro può azzerarsi se l’acquisto avviene in un esercizio convenzionato. Glovo è una start-up spagnola premiata di recente con un finanziamento da 5 milioni di euro; attiva anche a Barcellona, Madrid e Parigi, ha già conquistato oltre 30 mila milanesi. E cresce del 25 per cento ogni settimana.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Personal economy, l'Italia che guadagna con il web

Con un pc o un telefonino, talenti e risorse possono diventare un lavoro o un reddito extra. Alla portata di tutti

Cibo a domicilio, cinque servizi gourmet da assaggiare

Addio pizza collosa e hamburger stopposo. Il «food delivery» è diventato efficiente e ha convinto gli chef ad aprire le cucine ai fattorini

Sharing economy, il fascino contagioso della condivisione

Passaggi in auto, stanze e case, articoli sportivi e vestiti. Quando l'uso di un bene vince sul suo possesso

Cibo a domicilio, con ogni ordine un libro in omaggio

Fino al 28 luglio Deliveroo e bookabook portano un romanzo a chi acquista un pasto on line. Saziando gli affamati di lettura

Commenti