Smartphone & Tablet

Gli iPhone esausti? Finiscono fra le mani di un robot

Si chiama Liam e ha 29 braccia: a lui Apple ha affidato il compito di smontare pezzo dopo pezzo i dispositivi a fine vita

Apple Liam

Roberto Catania

-

Da ieri e fino al prossimo 24 aprile, i loghi degli Apple Store di tutto il mondo si tingeranno di verde. È il risultato più evidente della campagna che la società di Cupertino ha appena avviato a livello globale per la giornata mondiale della Terra e che ha fra i suoi obiettivi anche una raccolta fondi per la salvaguardia ambientale.

Per tutta la durata della campagna, fa sapere la società, 27 applicazioni verranno messe in evidenza all’interno del App Store, e il ricavato verrà interamente devoluto al WWF.

 

Cosa succede quando un iPhone muore
Apple ha approfittato dell’occasione per pubblicare il suo nuovo rapporto ambientale e per dare una rifrescata alla sezione Ambiente del suo sito, il compendio ufficiale che raccoglie tutte le iniziative della società a supporto della sostenibilità ambientale, dall’utilizzo delle energie rinnovabili al riciclo degli imballaggi, dall’impiego di materiali sicuri allo smaltimento dei dispositivi “esausti”. Proprio dalla sezione dedicata alla gestione dei prodotti a fine vita (Life Cycle Assessment) arrivano gli spunti sul commitment di Apple in campio ambientale.

I 40 anni di Apple: ecco i prodotti indimenticabili (e quelli dimenticati)


Ogni prodotto, spiega la stessa Apple nella sezione Q&A del sito ha una suo ciclo di vita medio che si basa sia su dati reali che simulati: si va dai quattro anni per i dispositivi OS X e tvOS (ad esempio un MacBook Air o una Apple Tv) ai tre anni per quelli iOS e watchOS (iPhone, iPad, iPod ed Apple Watch).

Il tempo medio di utilizzo dei prodotti della Mela è solo uno dei paramentri presi in esame per il calcolo delle emissioni di gas serra. Nella stima condotta da Apple si considerano anche i dati relativi a tutti pezzi che fanno parte del prodotto assemblato (dimensioni, peso materiali, scarti) e del packaging, nonché quelli relativi a produzione, assemblaggio, trasporto.

Ecco Liam, il robot che distrugge (ordinatamente) i dispositivi Apple
L’obiettivo finale è dichiarato: riuscire a ricavare l’energia necessaria per le proprie attività da fonti completamente rinnovabili (nel 2015 l’approvvigionamento da fonti “pulite” si è attestato intorno a al 93%), ridurre le sostanze nocive (mercurio e arsenico sono già state eleiminate dagli schermi, il piombo da tutte le saldature) e alzare la percentuale di riciclabilità dei propri prodotti.

Rientra fra queste attività anche Renew, il programma che invita gli utenti a riciclare i propri prodotti Apple ormai inutilizzati. A occuparsi del disassemblaggio è Liam, un robot a 29 braccia in grado di smontare fino a 1,2 milioni di telefoni all’anno. Ecco il video che ne magnifica le doti.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fbi: "Possiamo sbloccare l'iPhone senza l'aiuto di Apple"

Nuovo capitolo nella diatriba tra la società di Cupertino e i federali sullo sblocco del telefonino dell'attentatore di San Bernardino

Apple iOS 9.3, cinque (buoni) motivi per fare l’aggiornamento

Dalla funzione Night Shift alla nuova app Note, tutto quello che c'è da sapere sull'ultimo upgrade del sistema operativo di Cupertino

Apple compie 40 anni: ecco i prodotti indimenticabili (e quelli dimenticati)

Dal primo Apple I al Watch, una rassegna sui prodotti che hanno fatto la storia della Mela e su quelli che invece non hanno avuto successo

Apple iPhone SE, la recensione

Il cuore dell’iPhone 6S nel corpo di un iPhone 5S. Ecco come va il 4 pollici “potenziato” della Mela

Commenti