Antonino Caffo

-

La data è fissata da tempo è quella del 25 febbraio ma ogni giorno è utile per scoprire qualcosa di nuovo sul Galaxy S9 e Galaxy S9+. Tecnicamente sappiamo praticamente tutto dello smartphone che segue al rivoluzionario S8, di fatto il primo ad aver adottato forme e dimensioni allungate, eliminando i tasti fisici e portando lo schermo touch quasi a occupare tutta la superficie frontale.

Poche differenze ma sostanziali

Se esteticamente poco cambierà a guardarlo così, di faccia, il più grosso punto di rottura è sul retro, con l’arrivo di una fotocamera doppia sulla versione Galaxy S9+, simile a quella del Note8 ma con il vantaggio della tecnologia Isocell di ultima generazione.

Un dettaglio, quello della dual-cam, confermato anche nelle ultime ore dalla stessa Samsung, almeno in via indiretta. Sono infatti trapelate in rete le cover ufficiali del Galaxy S9 e Galaxy S9+, nel tradizionale packaging già utilizzato dal produttore coreano nel corso degli ultimi anni.

Le nuove cover

Oltre alle classiche Silicone, Alcantara e Clear View Standing, Samsung ha pensato ad una custodia perfetta per gli sportivi, chiamata Hyperknit, in tessuto leggero e resistente (almeno stando a quanto riportato sulla confezione). Un benvenuto anche alla Protective Standing Cover, che dovrebbe coniugare la resistenza del gadget già visto con S8 e Note8 con la presenza di uno sportellino con cui tenere il telefono fisso in orizzontale per la visione di film e video.

Sembra aver ricevuto un certo ammodernamento nei materiali la cover Led View, in pratica una protezione elegante che mostra alcuni widget selezionati di default alla presenza di notifiche (chiamate, messaggi, sveglia, stato batteria) con decine da scaricare dal negozio digitale Galaxy Apps.

Il DeX 2018

Nei giorni scorsi il solito e ben informato Evan Blass, noto anticipatore di smartphone e accessori hi-tech, ha diffuso su Twitter un paio di immagini del nuovo DeX al lancio con il Galaxy S9. Si tratta di una basetta entro la quale infilare il telefono che, una volta collegato a un monitor o televisore via cavo HDMI, mostra una versione di Android in modalità desktop, simile a Linux, così da accedere a documenti, pagine internet, app e giochi supportati a tutto schermo, quasi come essere davanti a un computer.

Il DeX in questione è decisamente diverso da quello dello scorso anno, visto che qui viene poggiato totalmente di schiena e non più in obliquo con schienale come sul precedente. Il motivo è solo estetico? Per nulla, visto che in questo modo lo schermo del telefonino diventa un mouse digitale, da comandare con le dita per muoversi con la freccia sul televisore. Restano un paio di porte USB a cui connettere mouse veri, tastiere e chiavette USB, oltre all’ingresso HDMI e quello USB di Tipo-C per la presa elettrica. Si, perché il DeX va alimentato, ospitando pure una serei di ventole per il raffreddamento dello smartphone.

In Cina la versione da 128 GB

L’ultima chicca è una pubblicità cinese che sponsorizza l’arrivo del Galaxy S9+ nel paese. Nulla di strano se non fosse che la variante proposta è con memoria interna da 128 GB e non i 32/64 GB a cui ci avevano abituati S8 e Note8. La declinazione sarà valida solo per i clienti in Oriente e riguarderà solo il Plus o anche l’S9 normale? Difficile dirlo ma è probabile che, almeno per i primi mesi, i 128 GB saranno un’esclusiva del mercato cinese, visto che anche la locandina è un rimando ai festeggiamenti per il Capodanno, venerdì 16 febbraio.

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Commenti