Smartphone & Tablet

Con un iPhone diventeremo donatori di organi

Con iOS 10 arriva anche la funzione per l’iscrizione al registro dei donatori direttamente dall'app Salute.

Apple Introduces New Products

Roberto Catania

-

Fra le funzioni di iOS 10 che non sono state svelate in occasione della WWDC, ce n'è una di grande impatto per il mondo medico: la possibilità di donare gli organi attraverso una funzione integrata all’interno dell’applicazione Salute.

iOS 10: le dieci cose da sapere


Proprio così. Apple ha annunciato la volontà di introdurre all’interno del suo prossimo sistema operativo tascabile un’opzione per consentire ai possessori di iPhone (ma anche a quelli di iPad e iPod) di autorizzare le autorità preposte a prelevare gli organi in caso di incidenti mortali o situazioni di morte celebrale.

L’opzione verrà resa disponibile inizialmente ai soli utenti statunitensi, in virtù di una partnership con il National Donate Life Registry, il registro nazionale statunitense per la donazione delgi organi gestito dal National Donate Life Registry, per poi estendersi al resto del mondo.

A spingere sull’adozione della nuova feature, ci sarebbe nientemeno che Tim Cook in persona, da sempre in prima linea per ciò che riguarda le iniziative di responsabilità sociale. Secondo una recente biografia scritta da Brent Schlender e Rick Tetzeli, l'atuale CEO di Apple si sarebbe offerto come donatore parziale di fegato nei confronti di Steve Jobs, ai tempi della malattia.

Quando Steve Jobs rifiutò la donazione del fegato di Tim Cook


Secondo i dati del National Kidney Foundation, solo negli Stati Uniti la lista d’attesa per un trapianto cresce di una persona ogni 10 minuti, con una media di 22 morti al giorno per mancanza di organi disponibili.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

iOS 10: cosa c'è di nuovo nell'ultimo aggiornamento di Apple

Siri, 3D Touch, notifiche, applicazioni e tanto altro: tutte le novità del nuovo sistema operativo di Cupertino per iPhone, iPad e iPod

Apple iPad Pro 9,7’’: la recensione

Probabilmente il miglior tablet sul mercato, non abbastanza - però - per fare concorrenza a un notebook

Siri è diventata più aperta. Ma è anche più intelligente?

L’assistente vocale di Apple ora interagisce con le applicazioni di terze parti. Sarà anche in grado di capirci meglio?

Commenti