Android Oreo
Smartphone & Tablet

Android 8.0 Oreo: la lista degli smartphone che riceveranno l’aggiornamento

Samsung, Lg, Huawei, Motorola e tutti gli altri: una guida per scoprire chi (e quando) passerà alla nuova versione del sistema operativo

Aggiornato il 12/09/2017

Android 8.0 Oreo è arrivato. Dallo scorso 21 agosto 2017, la nuova versione del sistema operativo di Google è uscita dalla fase “beta” per approdare in via ufficiale sul mercato con tutto il suo carico di novità.

Come da tradizione, i primi dispositivi a godere della release sono quelli “controllati” direttamente da Google (Nexus e Pixel), per tutti gli altri bisogna aspettare qualche settimana, se non addirittura qualche mese. Tantissimi i marchi coinvolti nelle operazioni di aggiornamento, da Samsung a Lg, da Huawei a Motorola fino alla rinnovata Nokia, che ha scelto proprio il sistema operativo del robottino verde per rilanciare le sue ambizioni.

Qui di seguito una prima stima dei dispositivi che potranno beneficiare dell’aggiornamento in base alle prime indicazioni ufficiali e ufficiose.

 

Android 8.0 Oreo: gli smartphone Google che riceveranno l’aggiornamento

Oltre al prossimo Pixel 2, il primo dispositivo con Android 8.0 Oreo nativo, anche i precedenti smartphone Pixel e i dispositivi Nexus di ultima generazione (5X, 6P e Nexus Player) potranno godere dell’aggiornamento.

Per i Nexus più vecchi, come il Nexus 4 e il Nexus, ci sono invece poche possibilità di essere compatibili con la nuova piattaforma.

Android 8.0 Oreo: gli smartphone Samsung che riceveranno l’aggiornamento

Samsung ha già iniziato il lavoro di aggiornamento del suo immenso parco prodotti, con un focus particolare sui modelli di ultima generazione. La lista dei telefoni che riceveranno l’aggiornamento comprenderà sicuramente gli smartphone più recenti, S8 e S8 Plus, e il nuovo Samsung Galaxy Note8, i Galaxy A dell’ultimo biennio (Samsung Galaxy A3, A5, A7, A8, A9 del 2016 e del 2017) e il Galaxy J7 2017 in tutte le sue varianti (J7 Max, J7 Pro, J7 Prime, J7V).

Più difficile invece che l’aggiornamento possa arrivare sui dispositivi antecedenti al 2016, compresi il Galaxy S6, S6 Edge, S5, Note 5, Note 4 e i modelli Galaxy J del 2016 e del 2015 (J2, J2 Ace, J3, J5, J7).

Android 8.0 Oreo: gli smartphone Lg che riceveranno l’aggiornamento

Gli ultimi top di gamma della Serie G (Lg G6 e G5) saranno i primi dispositivi Lg a ricevere l’aggiornamento a Oreo. Entro metà del prossimo anno è atteso anche il rollout per gli smartphone della serie V (Lg V20, V10), presto affiancati dal nuovo V30, secondo le indiscrezioni il primo dispositivo Lg equipaggiato nitidamente con Android 8.0.

Più difficile, invece, che l’aggiornamento possa arrivare su dispositivi più datati (Lg G4, G3, G2), o sui telefoni di fascia medio-bassa (Lg K8, K5, K3).

Android 8.0 Oreo: gli smartphone Huawei che riceveranno l’aggiornamento

Huawei punta a velocizzare il processo di rilascio della nuova versione di Android, già opportunamente testata sul Mate 9. Oltre a quest’ultimo, il passaggio ad Oreo coinvolgerà gli smartphone della Serie P (Huawei P10, P10 Lite e P10 Plus) il P8 Lite 2017, e i modelli della famiglia Nova.

La disponibilità del nuovo OS Android sarà estesa ai top di gamma a marchio Honor del 2017 (Honor 9, Honor 8 Pro), più difficilmente per i prodotti antecedenti (Honor 8, Honor 7, Honor 6).

Android 8.0 Oreo: la lista degli smartphone Motorola che riceveranno l’aggiornamento

Anche Lenovo sembra avere tutte le intenzioni di velocizzare il passaggio a Oreo, almeno per quanto riguarda i modelli nati sotto la sua gestione. Le versioni ottimizzate di Android 8.0 arriveranno quasi sicuramente sui telefoni “modulari” della gamma Z (Moto Z, Z2 Play, Z Play, Z Style, Z Force) e sui middlerange della Serie G (Moto G5, G4 e G4 Plus).

A non beneficiare dell’aggiornamento saranno invece gli utenti dei primi Moto G (G2, G3, G Turbo) e i possessori dei vari Moto X (Play, Style, Turbo).

Android 8.0 Oreo: gli smartphone Sony che riceveranno l’aggiornamento 

Sebbene storicamente poco reattiva dinnanzi ai vari aggiornamenti Android che si sono susseguiti negli anni, Sony farà del suo meglio per non perdere terreno rispetto alla concorrenza. La compatibilità di Oreo dovrebbe essere garantita per tutti i dispositivi di fascia alta dell’ultimo biennio: Xperia XZ e XZ Premium, Xperia L1, Xperia XZS, Xperia XA1 Ultra, XA e XA Ultra, Xperia X, e - forse - per i modelli della serie Z5.

Difficilmente vedremo la nuova versione del software sui vecchi modelli della serie Z (Xperia Z3 e Z4) nonché sugli intermedi della serie M (Xperia M5, M4 Aqua), gli Xperia C5 ed E4.

Android 8.0 Oreo: gli smartphone HTC che riceveranno l’aggiornamento

HTC ha una buona tradizione sugli aggiornamenti Android, soprattutto sui dispositivi di fascia alta. I possessori del nuovo HTC U11, ma anche quelli del più datato HTC 10 e del Desire 10 possono dunque stare tranquilli: presto (fine 2017, inizio 2018) riceveranno l’aggiornamento a Oreo. 

Ci sono invece poche chance di vedere la nuova versione di Android sui dispositivi della famiglia One (HTC One M8, M9, M9 Plus), sull’A9 e sul Desire 728.

Android 8.0 Oreo: gli smartphone Nokia che riceveranno l’aggiornamento

Con i diritti di sfruttamento del marchio Nokia, HMD ha acquisito anche le licenze software di Android, nella sua versione “stock”. Il gruppo finlandese ha così annunciato che tutti i modelli della sua recente produzione (Nokia 3, Nokia 5, Nokia 6 e il freschissimo Nokia 8) riceveranno l’aggiornamento a Oreo. È ancora presto per ipotizzare date, ma le previsioni parlano - ottimisticamente - di un rilascio entro la fine dell’anno. 

Android 8.0 Oreo: gli smartphone OnePlus che riceveranno l’aggiornamento

Da sempre piuttosto attenta alla qualità del suo software, OnePlus farà di tutto per portare l’ottava versione di Android sui suoi telefonini. Il primo a ricevere l’aggiornamento sarà il nuovo OnePlus 5, seguito dal OnePlus 3 e dal OnePlus 3T.

Improbabile - almeno - per il momento, l’upgrade sui prodotti più datati, come il OnePlus One, il OnePlus 2 e il OnePlus X.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti