Sicurezza

Ecco come la Blockchain lavora per l'Aeronautica militare

La tecnologia applicata ai "caccia" e alla logistica. Idee e progetti alla prova in occasione di "Airathon", la prima maratona creativa in ambito militare

Airathon20180605134407©AM

Eleonora Lorusso

-

Non solo con i bitcoin. La Blockchain sta conquistando sempre più spazio, si moltiplicano gli usi e oggi è pronta a "salire a bordo" dei caccia militari dell'Aeronautica, con impieghi inimmaginabili fino a poco tempo fa. La tecnologia che sfrutta la crittografia può infatti permettere di migliorare la logistica, addestrare on job ("Sul campo"), identificare operatori in situazioni potenzialmente a rischio terrorismo, e effettuare manutenzioni e riparazioni a migliaia di chilometri dalle basi logistiche, magari in missioni di estere dove sono richieste tempestività e precisione di intervento, ma non sono presenti tecnici specializzati.

Realtà aumentata e virtuale, Internet of Things e Blockchain sono infatti ormai una realtà e possono essere impiegate anche in ambito militare. Ma come?

La prima al mondo a provare a creare prototipi impiegabili in modo concreto e in breve tempo è l'Aeronautica militare, che ha organizzato un "hackhaton" chiamato Airathon: una maratona creativa di 48 ore al Centro Sperimentale di volo di Pratica di Mare.

Obiettivo: sfidarsi per riuscire a trovare la migliore soluzione sul tema dell'Industria 4.0, applicabile alla logistica dell'Aeronautica.

Molte le idee emerse, frutto del lavoro di 100 tra tecnici informatici, giovanissimi studenti universitari, ricercatori e professori da quattro università italiane, con un comune denominatore: la loro resa pratica nell'arco di pochissimo tempo. Non "fantascienza", dunque, ma progetti realizzabili e presto impiegabili, per innovare la tecnologia esistente, velocizzare e rendere più sicuri gli interventi, e contenere i costi.

L'hackathon aeronautico

La location non poteva che essere l'hagar 346, che ospita il Centro Sperimentale di Pratica di Mare, vero "cuore pulsante" dell'innovazione tecnologica dell'Aeronautica Militare. Qui a sfidarsi sono state 15 start up, suddivise in 8 team, supportati da esperti militari e del settore industriale specializzati nella tecnologia Blockchain, in realtà aumentata e Internet of Things (IoT), sotto la supervisione quattro università (La Sapienza - Tor Vergata di Roma, Federico II di Napoli, Università degli Studi di Salerno e Luiss Guido Carli di Roma). Una giuria di qualità ha valutato le soluzioni più all'avanguardia, eccone alcune.

La blockchain per i "caccia"

Una delle aree di maggiore interesse è senz'altro quella dell'applicazione della blockchain nella manutenzione preventiva e in caso di guasti, anche in teatri difficili, come le missioni estere, dove sono richieste azioni rapide e precise.

"La tecnologia blockchain, in questo caso, viene usata per tracciare i singoli passaggi di chi sta agendo. E' come se, in caso di guasto a una lavatrice non avessimo a disposizione un tecnico, ma solo un libretto di istruzioni. Supponiamo che un pilota di un jet, che non possiede la competenza specifica di un meccanico o un tecnico manutentore, si trovasse ad avere un guasto al suo velivolo e dovesse ripararlo. In questo caso, grazie ai visori ottici e alla blockchain potrebbe essere "guidato" da remoto. La blockchain, con il suo sistema crittografato, garantisce due obiettivi: il primo è che certifica che tutte le procedure standard previste siano seguite correttamente, perché controlla che la sequenza sia eseguita con i passaggi e le modalità previste; il vantaggio è che verifica l'identità dell'operatore stess" spiega a Panorama.it  Giuseppe Perrone, Responsabile Blockchain EY (Ernst&Young) Area Mediterranea.

Prendendo sempre ad esempio il caso di un pilota dell'Aeronautica costretto a un atterraggio di emergenza in Italia o all'estero, magari in un "teatro" come può essere l'Iraq, "ecco che si renderebbe necessario essere sicuri che a intervenire sul velivolo da riparare sia proprio lui e non magari un terrorista o qualcuno che possa o voglia mettere un ordigno esplosivo, un componente non adatto o difettoso" - spiega Perrone - "La blockchain permette di verificare la sua identità, tramite una firma digitale (ovvero la chiave privata che si ottiene con crittografia, come per i bitcoin) che abilita l'operatore, tramite un controllo con i database. Se il soggetto viene riconosciuto e si conferma che è in grado di intervenire, i visori ottici sono sbloccati e lui può effettuar ele operazioni indicate da remoto da un tecnico specializzato".

"Un'altra possibilità offerta dalla blockchain riguarda l'eventualità di un "cattivo intervento" - dice l'esperto - Dal momento che permette di certificare ciò che si fa, in caso di errore scatta una sorta di detection, che in futuro crea un alert e avverte dell'errore commesso in precedenza". In pratica agisce come una sorta di dispositivo di sicurezza ulteriore.

Maggiore sicurezza

Sempre in ambito di manutenzione, la blockchain permette anche di verificare se i componenti che si devono sostituire sono adatti e sicuri. Grazie alla cosiddetta notarization, una sorta di catalogazione e archiviazione di dati, la tecnologia permette di sapere se quel pezzo ha i prerequisiti richiesti.

"Ad esempio, se si deve sostituire un radar, è possibile conoscere la storia di quel pezzo, sapere se  è frutto di una lavorazione industriale o se è di seconda mano; confrontandola con le esigenze del caso, ci fornisce le indicazioni d'uso, dicendo se è impiegabile oppure no" spiega l'esperto. "E' come se dovessimo cambiare pneumatici all'automobile e volessimo utilizzare gomme che hanno già 100.000 km. La tecnologia ci fermerebbe, fornendoci tutte le informazioni necessarie sulla "storia" degli pneumatici in questione. Questo è ancora più importante su un velivolo come un Eurofighter, che ha qualcosa come 80 mila componenti" conclude Perrone.

Prototipi già impiegabili?

Le idee e i prototipi emersi in occasione di Airthon sono di fatto già realtà. "Nei prossimi 6, massimo 12 mesi, molte delle applicazioni sono già impiegabili" dice Perrone. Uno degli obiettivi è quello di velocizzare i processi, rendendoli più sicuri, ma anche economicamente meno dispendiosi, in un contesto di progressiva riduzione del personale che si sta verificando in tutti i settori. Gli investimenti necessari per rendere applicabili le soluzioni esposte vanno dai 2/300mila euro a un massimo di 5/600 mila euro per la creazione delle piattaforme e il lavoro degli sviluppatori" spiega Perrone.

Italia capofila nell'innovazione

Si tratta di investimenti in tecnologia innovativa ai quali si pensa anche all'estero, ma per i quali l'Italia al momento è capofila. "Dalle nostre ricerche emerge che Airathon è il primo evento del genere in ambito militare che sia mai stato organizzato da un'aeronautica e in generale in ambito Difesa. Ci risultano sperimentazioni finanziate dal Governo Usa, ma si tratta solo di studi di fattibilità. I prototipi presentati all'Hackathon di Pratica di Mare sono invece già disponibili per essere poi finalizzati in termini di soluzioni pilota e poi per essere industrializzati in ambito Difesa" conclude l'esperto di EY.

"Siamo di fronte ad un cambio di paradigma industriale epocale - la cosiddetta Industria 4. 0 - in cui tecnologie come la realtà aumentata, l'internet delle cose (IoT) o la gestione dei big-data renderanno i sistemi sempre più interconnessi e digitali" dice il Generale S.A. Giovanni Fantuzzi, Comandante Logistico Aeronautica Militare, a capo dell'ente che ha organizzato l'evento ed ha dato il via a questa serie di iniziative di open innovation nel campo industria 4.0 e logistica 4.0. "Airathon è la prima e concreta realizzazione, è solo il primo passo: intendiamo creare un "ecosistema" utile all'Aeronautica Militare e ai soggetti che vorranno condividere con noi questo percorso di crescita in un ambito che promette molteplici ricadute "duali" e una serie di interessanti scambi tecnologici tra mondo militare e civile".

Altre idee in campo

Tra le altre idee, presentate dal comparto industriale e aeronautico spaziale (Leonardo, Vitrociset, Technosky, Mimos - Movimento Italiano di Modelizzazione e Simulazione), informatico (Microsoft) e universitario anche applicazioni che prevedono l'impiego della Realtà Virtuale nel training: proprio la RV può supportare la formazione tramite la visualizzazione di informazioni in Realtà Aumentata, monitarando i livelli di stress fisico e i parametri ambientali.

In ambito logistico, invece, la AR può supportare le operazioni di carico e scarico merci, con una digitalizzazione della documentazione, mentre l'Internet of Things supporta il controllo della filiera. Molti poi i possibili impieghi di supporti come tablet, smartglasses o Hololens, con i quali i manutentori possono accedere alla AR e recuperare facilmente l informazioni relative agli interventi da effettuare e alla documentazione a supporto.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Helbiz, ecco l’AirBnB delle auto (che si appoggia alla Blockchain)

L’idea, opera di un italiano, sfrutta una piattaforma con criptovaluta per abilitare il noleggio di vetture fra privati. Già superato il miliardo di capitalizzazione

Solo la blockchain può salvare Facebook

Un sistema decentralizzato e certificato dagli stessi utenti rappresenta il futuro di ogni servizio online, compresi i social network

Blockchain: il database che sfrutta le criptovalute per energia e salute

La tecnologia che sta alla base della moneta digitale e che garantisce la certezza delle informazioni e l'onestà dei partecipanti anche oltre la finanza

Aereo Jet supera muro suono. Ecco il boato | video

Commenti