Mytech

Regali di Natale, l'ascesa dei monopattini elettrici

Accanto a smartphone e gadget tech, si fanno largo i veicoli per spostarsi in città in maniera autonoma e senza stress. Ecco una guida all'acquisto, con i migliori e più convenienti modelli sul mercato

Monopattino-Xiaomi

Alessio Caprodossi

-

Da oltre un decennio la pletora di gadget elettronici riempie lo spazio sotto l’albero e il divano assegnato ai regali natalizi. Con gli smartphone a guidare il lungo elenco di dispositivi desiderati da grandi e piccoli, nel corso degli ultimi anni si è allargato il ventaglio di opzioni tech con l’arrivo di droni e smart device per la casa, mentre nell’ultimo periodo si è assistito alla crescita dei monopattini elettrici. Piccoli ma preziosi per muoversi in città, annullando l’obbligata attesa per bus e metro, permettono di arrivare ovunque senza penalizzare l’ambiente circostante e in tempi più rapidi della bicicletta. Insomma, un oggetto del desiderio per giovani e adulti pronti anche a sfidare il meteo divertendosi, perché viaggiare per la città su due ruote e pedana assicura quel brivido che manca con altri mezzi, a patto però di non eccedere nei rischi.

Norme e analisi pre-acquisto

L’improvviso successo e la rapida diffusione su scala globale del fenomeno ha costretto a disciplinare l’utilizzo del mezzo. In Italia le norme prevedono per i Comuni un anno di tempo per regolamentare la circolazione, con il decreto attuativo firmato dall’ex ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, entrato in vigore durante l’estate, che ha fissato le norme di base, stabilendo che i monopattini elettrici possono circolare nelle aree pedonali con una velocità inferiore ai 6 km/h, su corsie riservate di piste ciclabili fino a 20 km/h e su zone e strade con limite di velocità a 30 km/h. Ogni veicolo deve essere dotato di luci, numero identificativo e limitatore di velocità. A condurlo possono essere anche i minorenni, ma solo quelli in possesso del patentino per la guida del motorino, mentre per quanto non sia obbligatorio è consigliato sempre l’utilizzo del casco

Le norme non intaccano, comunque, le peculiarità di un mezzo facile da usare e amico dell’ambiente, ma anche utile per completare il percorso per arrivare a lavoro, a scuola, all’aperitivo e ovunque si voglia dopo un tratto magari in treno o metropolitana (dove il veicolo si piega e trasporta a mano). Prima di procedere all’acquisto, tuttavia, vanno considerati alcuni fattori: potenza e autonomia della batteria, materiali e comodità di sella e manubrio, il peso e i tempi di ricarica. Si tratta di elementi prioritari, che presuppongono un’analisi e, ancora meglio, una prova personale previo eventuale acquisto.

I modelli più gettonati

Partendo dai migliori su piazza, due dei modelli più venduti (e costosi) sono il Ninebot ES2 di Segway e lo Xiaomi Mi Electric. Telaio in alluminio, velocità massima di 25 km/h e autonomia di 25 km, grazie anche al Cruise Control che agevola la guida sui lunghi percorsi, due ruote ammortizzate e doppia luca a Led sono le caratteristiche del Ninebot ES2, pesante 12,5 chilogrammi e dotato di display per visualizzare velocità, livello batteria, connessione Bluetooth e tre modalità di guida (Standard, Sport e Speed Limit). Gli appassionati sottolineano il sistema frenante, con l’anteriore elettrico e il posteriore meccanico che permettono stabilità e assicurano efficacia (bastano meno di cinque metri per il blocco del mezzo lanciato alla massima velocità). Costa 549 euro ma sul sito aziendale si può prendere a 499 euro, con Amazon.it che lo propone invece a 389 euro nella versione grigio scura. Sulla stessa fascia di prezzo si colloca il Mi Electric Scooter Monopattino di Xiaomi, nota in Europa soprattutto per gli smartphone ma invece attiva su ogni comparto della tecnologia di consumo, che spicca per la batteria in brado di tenere fino a 30 km e la capacità di affrontare senza troppi patemi tanti tipi di superfici (cemento, dossi, scalini alti fino a 1 centimetro, oltre alla asfalto e ai terreni in piano). Affidabile il sistema a doppia frenata, ottima la procedura di chiusura, che in tre mosse consente di ripiegarlo per essere trasportato, buone le quattro luci Led, un po’ meno le cinque ore necessarie per la ricarica completa, mentre lato velocità raggiunge i 25 km/h, ridotti a 18 km/h quando si attiva il Cruise Control.       

Monopattini tricolore

Leader europeo e produttore di undici modelli con la gamma Doc per tasche e profili diversi, l’italiana Nilox propone il Doc Pro, veicolo più quotato e costoso (599,95 euro) che offre un’autonomia di 20 km e una velocità massima di 29 km/h, si piega con un singolo movimento, si ricarica in poco più di due ore, ha una ruota con diametro da 8’’, pesa 12 kg e ha una capacità di carico massima di 100 km. Condivide alcuni tratti distintivi con il fratello maggiore (come la velocità massima, l’autonomia e il peso) il nuovo Doc Urban, dotato di chiavi per l’accensione e accelerazione in stile scooter sulla manopola destra, tre modalità di guida, manubrio regolabile in altezza e display per tenere sotto controllo tutti i parametri di sistema (batteria, velocità, voltaggio e distanza percorsa, totale e del singolo percorso). Prezzo: 419,95 euro

Guarda ai più esperti e decisi sostenitori della micromobilità elettrica e urbana anche Vivobike, che ha lanciato il modello E-Scooter S3 Pro, forte di un motore da 350W per una velocità massima di 25 km/h e in grado di affrontare pendenze fino al 15%, e batteria estraibile da 10.000 mAh che consente di guidare per 30-35 km prima di ricaricarsi, ma anche di esser rimossa facilmente con un gesto. Al di là della livrea nera su cui spiccano i dettagli in rosso, il telaio in alluminio, il cavalletto laterale estraibile, ruote da 8,5’’ e display a Led completano il profilo di un veicolo robusto in listino a 499,90 euro.

Il rapporto qualità-prezzo prima di tutto

Per risparmiare metà cifra, accontentandosi al contempo di specifiche limitate, due opzioni valide possono rivelarsi I-Bike e il Razor E100 Glow, entrambi proposti a poco più di 200 euro. Nel primo caso, alle ruote da 6,5’’ si accompagnano tre livelli di velocità (il picco è pari a 25 km/h) e un peso inferiore alla media, di 9,9 kg. Buono il Led che illumina il percorso in caso di poca luce, meno bene l’autonomia di soli 10 km. Gli 80 minuti di autonomia sono la carta vincente del secondo, che tocca i 18 km/h e facilita la guida con il pulsante per accelerare e la ruota anteriore più larga per una maggiore comodità durante l’uso.

© Riproduzione Riservata

Commenti