Roberto Catania

-

Panasonic ha annunciato l’uscita di S Series, la sua prima famiglia di fotocamere mirrorless con sensore full frame. Per la casa giapponese, che proprio sul genere delle compatte a ottiche intercambiabili ha scritto le pagine migliori della sua storia recente, si tratta di un passo obbligato per intercettare le necessità di tutti quei professionisti e fotoamatori evoluti che puntano ad alleggerire il peso dei propri fardelli fotografici.

Panasonic SR1

– Credits: Roberto Catania

Al centro c'è un innesto Leica

A inaugurare il filone sono la Lumix S1 e la Lumix S1R, capostipiti di una nuova progenie di macchine sviluppate intorno all’innesto “L” da 51 millimetri lanciato da Leica per la sua gamma di macchine full frame.
 
L’obiettivo, ha spiegato a Photokina Yosuke Yamane, direttore della divisione imaging business di Panasonic è offrire ai professionisti un prodotto unico in grado di combinare compattezza, robustezza, e performance elevate, sia in ambito fotografico che video.

Sony, Nikon e Canon sono avvisate insomma: Panasonic non resterà confinata nel recinto del micro 4:3 ma punterà a tracciare un nuovo solco nel segmento delle nuove 35 millimetri.

Panasonic SR1

Doppia stabilizzazione

Sotto questo profilo, i due nuovi sensori della S1 e della SR1 - da 24 e 42 megapixel rispettivamente - rappresentano la punta dell'iceberg di un’offerta ben più articolata e che prevede fra le sue risorse un nuovo motore Venus Engine, un doppio sistema di stabilizzazione (sul corpo e sulle lenti), display LCD orientabile e mirino ottico e doppio slot per memory card (SD e XQD).

Il risultato di tanto spiegamento di forze potrà essere saggiato solo al momento del debutto commerciale della serie (previsto per la prossima primavera), fino ad allora non resta che fidarsi delle promesse della casa; che magnifica le prestazioni video delle due macchine, mutuate in parte dalla GH5 (previsto il supporto 4K fino a 60 fps), ma anche le qualità di un sistema AF che combina la messa a fuoco a contrasto con il velocissimo sistema proprietario DFD basato su intelligenza artificiale.


Panasonic Lumix S1R 4

Per le ottiche si fanno in tre

L'uscita delle nuove mirrorless full frame procederà parallelamente allo sviluppo di un nuovo parco ottiche, inizialmente limitato a soli 3 pezzi – nella fattispecie uno zoom versatile 24-105 mm, uno teleobiettivo 70-200 mm e un 50 millimetri fisso f/1.4 – ma destinato ad ampliarsi a un passo piuttosto rapido.

Panasonic parla di 10 ottiche dedicate entro i primi 12 mesi dal lancio ai quali si aggiungeranno le 8 unità provenienti da Leica e quelle che arriveranno da Sigma, terzo polo di quella che è già stata ribattezzata la L-Mount Alliance, la triplice alleanza nata sotto il segno dell'innesto L.

Ancor prima di vedere la luce, insomma, le due full frame di Panasonic possono già contare su un corredo che si preannuncia ampio e variegato. Sia in termini di focali, sia per quanto riguarda i prezzi.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Panasonic Slow Juicer MJ-L500, la recensione

Non è un frullatore e nemmeno una centrifuga, ma un estrattore che lavora con lentezza per preservare i nutrienti contenuti nella frutta e nella verdura

Panasonic HC-WX970 4K, la recensione

La nuova videocamera "twin" ad altissima risoluzione della casa giapponese alla resa dei conti

Panasonic: 10 prodotti che cambiano le abitudini di casa

Dai televisori curvi 4k alle lavatrici che riconoscono i vestiti, ecco una carrellata sulle novità della casa giapponese per il 2015

Commenti