Mytech

NH Collection Eurobuilding, l'hotel più tecnologico al mondo

Un enorme schermo a Led sulla lobby, Wi-Fi superveloce, videoconferenze con gli ologrammi: il nuovo volto hi-tech di un celebre albergo di Madrid

Hall hotel apertura

Marco Morello

-

Ospita uno dei più grandi centri congressi cittadini, ha 431 camere più sette suite e l’unico ristorante con tre stelle Michelin di Madrid: il DiverXO. Ma l’hotel NH Collection Eurobuilding, appena rinnovato e riaperto ai suoi ospiti, si candida a diventare celebre per un altro primato. Se non già raggiunto, sarà da verificare, quantomeno inseguito: essere l’hotel più tecnologico al mondo. Non solo per le dotazioni hi-tech che lo arricchiscono, ma per il suo desiderio di essere sempre aperto alle innovazioni. Attuali e futuribili.

Intanto, premesse e promesse a parte, ha i suoi bei record da esibire. Un gigantesco, mastodontico, sovrabbondante, esagerato schermo a Led montato sopra la lobby. Abbinato a un muscoloso sistema audio, dà l’impressione ai visitatori di entrare in una galleria d’arte postmoderna in cui suoni e colori si mischiano tra loro dando vita a un effetto ubriacante e caleidoscopico. Ed è solo l’inizio, come suggeriscono queste immagini.

 

 

Pura apparenza, a cui si abbina una certa dose di sostanza. Oltra alle piccole attenzioni nelle camere, tutte «bit-friendly», verrebbe da dire, si punta molto sulle esigenze della clientela business. E dunque un Wi-Fi ad alta velocità e dalla capacità generosa, che sia in grado di supportare un sistema per le videoconferenze che va oltre il classico audio e video. La prossima frontiera della telepresenza sono gli ologrammi, riproduzioni fisiche o quasi degli interlocutori. Qui dicono di esserci già. Bisognerà testare l’effetto sul campo, ma intanto i progettisti parlano di progetti pilota avviati con Berlino, Milano e Rotterdam. Perché l’albergo potrà essere tecnologico quanto si vuole, però perché il sistema funzioni il meccanismo deve essere reciproco: messo in piedi anche dall’altro capo del filo.

Tutto l’hotel, in generale, è pensato come un «Living lab», altro anglismo che tradisce l’intenzione di rendere la struttura un laboratorio attivo di sperimentazione e fermento. Nelle aree comuni e in quattro aree ritagliate ad hoc. Dove l'efficienza energetica è presa molto sul serio: il 100 per cento della corrente utilizzata arriva da fonti rinnovabili; i dispositivi sono tutti di classe A+; i materiali degli arredi sono riciclabili al 100 per cento; la telepresenza olografica riduce la necessità delle trasferte, risparmiando all'ambiente dosi di emissioni nocive per gli spostamenti.

Nel lab qualsiasi gadget, sistemi di connessione avanzati e altri assaggi di futuro saranno i benvenuti. Così come possibili start-up legate all’universo degli alberghi. I progetti più interessanti saranno sostenuti con programmi semestrali di accelerazione. Con Eurobuilding anche l’hotel diventa incubatore.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Come usare la connessione Wi-Fi dell'hotel su più dispositivi pagando una volta sola

Piccoli trucchi per navigare in albergo sullo smartphone, il tablet, la console portatile e il computer senza rovinarsi

Scrivi una cattiva recensione on line? L'hotel ti fa pagare 500 dollari di multa

L'idea (malsana) è venuta a un albergatore vicino New York. Che, così, ha distrutto per sempre la reputazione della sua struttura

Come prenotare voli e hotel su Internet spendendo meno

Quando, come e dove acquistare biglietti aerei e camere d'albergo al prezzo più basso

Hai tanti follower? L’hotel ti fa lo sconto

Il sito di booking Hotelied propone prezzi vantaggiosi ai clienti che hanno molti seguaci sui social media

Commenti