Mytech

L'analfabetismo delle istituzioni e l'incapacità di cogliere il cambiamento

Privacy, big data, fake news, intelligenza artificiale, robot: il mondo cambia e chi gestisce la cosa pubblica non sa più che pesci prendere

Internet Warning

Luciano Lombardi

-

Il caso Facebook-Cambridge Analytica ha la forma di una brutta ferita. Che sembra nuova, ma in realtà è una ferita vecchia. Oltre che molto estesa, dalle questioni relative alla privacy ai big data della fattispecie alle fake news, dall’intelligenza artificiale ai robot e a come questi ultimi stanno cambiando i connotati al mondo del lavoro.

In tutte le circostanze che rientrano in ciascuno di questi casi - e anche in molti altri - quello che colpisce, più di ogni altra cosa, è l’incapacità delle istituzioni di intercettare i possibili effetti negativi dell’epifenomeno di turno e neutralizzarli prima della loro degenerazione.

Prendiamo il caso di cui si parla in questi giorni: le manipolazioni via social a fini elettorali, ormai puntuali a ogni tornata da elettorale in qualsivoglia luogo del pianeta.

Senza andare a scomodare il Russiagate, cioè la "madre di tutti gli scandali" di questo tipo, già in tempi lontani (lontanissimi per il calendario della Rete) si andava parlando dei rischi di ingerenza nel contesto politico. E la questione, più generale, degli usi impropri dei dati personali nasce con la stessa Internet nel momento in cui questa ha cominciato a entrare nella vita di tutti.

Prevenzione zero

Eppure, nonostante gli avvertimenti, nonostante gli innumerevoli episodi, le istituzioni hanno fatto poco o nulla se non limitarsi ex post ad avvertire dell’importanza di rispettare le regole, oppure punire. Sempre e solo a posteriori. Trascurando il fatto che, probabilmente, le suddette regole possono non essere sufficienti, o anche essere completamente inefficaci. E perfino del tutto assenti.

Quanto detto finora vale, parimenti, per le altre grandi questioni connesse all’era digitale. Le fake news, altro caso emblematico. Come se, la percezione di veridicità della notizia in base a criteri emozionali e non come conseguenza di un’analisi sull’effettiva veridicità dei fatti fosse un fatto nuovo. Come se la post-verità - e con lei le “bufale” più o meno eclatanti, più o meno sofisticate - fosse un fenomeno dell’ultim’ora, spuntato dal nulla all’improvviso e degenerano così rapidamente da non dare il tempo di agire a chi è chiamato a vigilare.

Il sistema ormai fa acqua

La stessa cosa vale per gli altri due aspetti che abbiamo preso ad esempio per questa riflessione.

Cosa si legge e cosa si ascolta perlopiù, a tutti i livelli, quando si è di fronte a un ragionamento sui cambiamenti del mondo del lavoro? Che ci sono sempre stati. Ed è un fatto, vero.

Come è vero che quando una professione sparisce, quando una categoria di attività commerciali esce dal mercato, quando un sistema di produzione fa il suo tempo non c’è da preoccuparsi troppo perché tanto c’è sempre una mano invisibile che entra in gioco e ristabilisce gli equilibri.

Così è stato - più o meno - finora. Eppure gli scenari oggi sembrano tutt’altro che autolivellanti, per esempio perché, rispetto al passato, la velocità con cui l’emergere di una nuova professionalità è infinitamente più lenta di quanto ci metta a sparire quella che sarebbe destinata a soppiantare.

O perché, più in generale, banalmente, quelle che chiamamiamo rivoluzioni, oggi, hanno una portata ben più disruptive, in senso buono e in senso cattivo, di quelle che le hanno precedute.

E anche ammmettendo, senza concedere, che questo assunto non sia vero, gli strumenti che oggi si hanno a disposizione per analizzare, prevedere ed impedire sono (dovrebbero essere?) infinitamente maggiori e migliori di quelli che esistevano in passato.

Poche storie e poche scuse quindi. Abbiamo un grande, enorme problema: l’incapacità delle istituzioni di leggere lo zeitgeist, di riconoscere il segno dei tempi con sufficiente anticipo e capacità interpretativa e di tradurre poi le conclusioni in azioni concrete, a livello politico, economico e legislativo.

Siamo, cioè, di fronte a una diffuso analfabetisimo tecnologico, nella sua forma peggiore, perché non riguarda più soltanto il cittadino, l'utente, il consumatore, ma riguarda soprattutto chi gestisce la cosa pubblica.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ma Cambridge Analytica e Facebook non hanno eletto Trump

Le manipolazioni e l'uso dei dati del social non è detto siano così efficaci politicamente. E non dovrebbero diventare un alibi per le difficoltà elettorali del liberalismo e dei difensori delle società aperte

Facebook-Cambridge Analytica, cosa può fare l'Europa

Per difendere i propri cittadini l'Unione dovrebbe pretendere di sapere come avviene la gestione delle informazioni e come viene regolata la conversazione tra gli utenti social

Dopo Cambridge Analytica: quali rischi corriamo davvero su Facebook

L'opinione pubblica dovrà pretendere da Zuckerberg la sicurezza che chiede alle banche, i dati protetti come i propri soldi

5 motivi per chiudere il profilo Facebook dopo Cambridge Analytica

Ci tiene incatenati alle sue logiche, dice che va tutto bene e poi basta un quiz per farci rubare i dati. Cancelliamoci, prima che sia troppo tardi

Facebook e il caso Cambridge Analytica, spiegato bene

Facebook ha sospeso l’agenzia che aveva raccolto i dati di 50 milioni di iscritti per mandare a segno la campagna elettorale di Trump. Le cose da sapere

Fake news, Unilever vs colossi del Web

Dai 9 miliardi investiti in marketing e advertising lo scorso anno al nulla: se non migliorerà il controllo dei contenuti deleteri

Trump e gli Oscar alle fake news: ecco le testate "premiate"

Il New York Times vince il primo premio dei "riconoscimenti" ideati dal presidente statunitense, al suo ennesimo attacco contro la stampa

Fake news, il futuro sarà un incubo

Lo sviluppo della tecnologia rende semplice manipolare un video o clonare la voce altrui. Così le notizie false saranno ancora più credibili

Facebook ha trovato un modo migliore per combattere le fake news

Il social non segnalerà più le notizie dubbie ma affiancherà a queste articoli correlati che aiutino a comprendere le bufale. Ecco le peggiori del 2017

Fake news, ecco come contrastarle

Mauro Perrella, responsabile della reputazione on line di aziende e esponenti politici, spiega le contromisure per vincere contro bufale e bullshit

Contro le fake news l'unica arma è la cultura

Le false notizie per propaganda ideologica non sono nate con la Rete. La storia ce lo racconta. Oggi però serve il coraggio di essere scettici

Perché i robot ci rubano il lavoro

L'automazione alle catene di montaggio aumenta le disuguaglianze: gli operai perdono il lavoro mentre i proprietari continuano ad arricchirsi

L'intelligenza artificiale nello scontro fra Russia, Cina e occidentali

Mosca, Washington, Pechino, Londra, Berlino: corsa agli armamenti e spionaggio usando AI e robotica

Intelligenza artificiale, ecco quali sono i veri rischi

AI vuol dire opportunità di sviluppo ma anche prevaricazioni che bisogna evitare. Due facce della stessa medaglia su cui riflettere

Intelligenza artificiale: perché Google batte tutti

La competizione per l’apprendimento automatico è già partita e riscriverà molte regole del business

Commenti