Internet

La raccomandata? Si ritira on line, di notte o nel weekend

Primi bilanci per il servizio di Nexive: se trovano l'avviso di giacenza, gli italiani scaricano la posta in digitale, anche nei festivi e a tarda ora

Raccomandata-apertura

Marco Morello

-

Il copione racconta il solito disagio. Il postino ha bussato a casa, non ha trovato nessuno, ha lasciato l’avviso in cassetta. Per ritirare la raccomandata bisogna arrivare fino alla posta, fare la fila, perdere tempo. Tanto tempo.

In alternativa, in alcuni casi sempre più frequenti, la si può scaricare on line. Quando si preferisce: di notte, nei giorni di festa, nel weekend. Quando gli uffici sono chiusi. A volte in meno di 30 secondi. È una delle proposte di Nexive, il primo operatore postale privato in Italia. Che, collaborando con la start-up tNotice ha lanciato l’innovativo servizio a gennaio, in via preliminare a Roma e Milano per estenderlo via via al resto del territorio nazionale. E ora è pronto a tirare le prime somme.

Raccomandata-dentro

– Credits: Nexive

In 6 mesi oltre 18 mila persone si sono collegate a internet per prelevare una raccomandata dal web. Inviata naturalmente da uno degli operatori che si affidano a Nexive per i recapiti della loro corrispondenza.

Il 20 per cento degli utenti lo ha fatto tra le otto di sera e le otto del mattino, la domenica, nei festivi. È accaduto soprattutto in periferia e in piccoli centri vicino alle città, ovvero le situazioni tipiche in cui il centro di ritiro è parecchio distante dalla propria abitazione.

La scia è quella della semplificazione dei rapporti tra cittadini, aziende e pubblica amministrazione. Un percorso che ha molti elementi in salita, com’è Nexive stessa a rilevare, ancora una volta con i numeri: il 9 per cento tra quanti hanno avuto accesso al ritiro on line, parliamo di quasi 2 mila persone, non ha portato a termine la procedura. Segno che a un certo punto ha incontrato un intoppo, un’esitazione, un’indecisione che ha frenato, ha spinto a non procedere oltre e chiudere la finestra del browser.

Niente di irrimediabile. Nell’avviso di giacenza, è prevista una doppia modalità. Con il codice pin stampigliato sul foglietto si può procedere al ritiro on line della versione digitale della raccomandata («con garanzie di sicurezza e valore legale» fanno sapere dall’azienda); in alternativa, basta recarsi presso l’indirizzo indicato e ottenerne una copia fisica. Placando le ansie di chi non ha confidenza piena con l’ecosistema di bit.

«In un Paese in cui ogni secondo 4 persone sono in fila a uno sportello per ritirare una raccomandata» dice Valentina Pavan, a capo della direzione «Parcel Develompent» di Nexive «abbiamo lanciato una soluzione che ci auguriamo possa ispirare un’innovazione pervasiva del settore». Che, insomma, vanti il più possibile tentativi d’imitazione da parte di altri operatori. A vantaggio di tutti i cittadini e della nostra evoluzione digitale.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Acquisti on line, si potranno ritirare in edicola

Siglato un accordo per trasformare i punti vendita di giornali in centri che offrono servizi postali evoluti, incluso l'invio e la ricezione di pacchi

Viaggio tra i robot che hanno già sostituito l'uomo sul lavoro

Ristoranti e bar senza camerieri, negozi senza commessi, chiavi elettroniche in hotel, corrieri senza fattorino. Alla scoperta del presente automatico

Quando il social network sostiene la letteratura

Racconti trasformati in chat, poesie su Facebook e Instagram. I nuovi percorsi dell'editoria, dalla carta alla rete e viceversa

Commenti