Mega, Kim Dotcom ritorna: appuntamento il 19 gennaio

Dalle ceneri di Megaupload il nuovo sito per condividere illegalmente contenuti. Ma questa volta Dotcom si è cautelato trasferendo sugli utenti buona parte delle responsabilità legali

Kim Dotcom nell'aula del tribunale di Auckland, Nuova Zelanda, il 22 febbraio del 2012 (MICHAEL BRADLEY/AFP/Getty Images)

Guido Castellano

-

Dalle ceneri di Megaupload il nuovo sito per condividere illegalmente contenuti. Ma questa volta Dotcom si è cautelato

Il mondo è in attesa di vedere se il re dei pirati Kim Dotcom manterrà la promessa.

Il 19 gennaio, infatti, dovrebbe rinascere dalla cenere quella che è stata la terra promessa per oltre un miliardo di persone che, impunemente, per anni, hanno scaricato illegalmente film, musica, serie tv e libri dai suoi server: Megavideo, Megaupload ecc. Contenitori di materiale coperto da diritto d’autore che proprio il 19 gennaio dello scorso anno erano stati spenti dall’Fbi americana in un’operazione congiunta con le polizie di mezzo mondo. È per questo che Dotcom ha scelto il 19 gennaio come data di lancio del nuovo Mega .

Sul suo sito , getta il guanto di sfida alla giustizia americana e alle major che lui accusa essere i veri gestori occulti dell’operazione "takedown" (che in americano vuol dire abbattere) e che ha portato all’oscuramento dei suoi servizi. Quando fu chiuso, Megaupload vantava più di 1 miliardo di visitatori, più di 150 milioni di utenti registrati e 50 milioni di visitatori al giorno.

Megaupload ha fruttato a Kim Dotcom 175 milioni di dollari di profitti illeciti e ha causato oltre mezzo miliardo di danni ai titolari dei diritti. Fra i capi d’accusa c’è anche il riciclaggio di denaro.

Come funzionerà Mega?
Ma come pensa di aggirare la legge e su cosa si basa il nuovo sito Mega che Dotcom lancerà il prossimo 19 gennaio?

Per certi versi continuerà a funzionare come prima. Saranno gli utenti che caricheranno sui server Mega i loro file che potranno essere condivisi e scaricati.

Ma Dotcom, grazie a un tecno escamotage, non sarà più responsabile del comportamento illecito dei suoi clienti. Ogni file caricato, infatti, verrà criptato, automaticamente, con un algoritmo ultrasicuro e impenetrabile.

La chiave per poter leggere i documenti non sarà a conoscenza né di Dotcom né del suo server Mega, ma verrà gestita in totale autonomia da chi carica i file. Che deciderà con chi e come condividere questa chiave di accesso. Le ragioni di questa mossa sono chiare: Dotcom non potrà più essere accusato di ospitare consapevolemente file illegali. In più questa nuovo metodo di gestione dei documenti digitali servirà da deterrente per eventuali blitz futuri dell’Fbi. "Se i server vanno perduti, se il governo fa irruzione in un data center e lo saccheggia, non otterrebbe nulla" spiega Dotcom nella sua intervista al mensile Wired "Ogni file, senza l’apposita chiave, rimarrà privato e inaccessibile. A tutti".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Partite di calcio e giornali gratis sul Web? Per la magistratura sono da oscurare

Dopo il caso Avaxhome, anche il calcio online finisce sotto l’occhio della magistratura. Per il Gip di Milano, Webcaston.com e altri nove siti che trasmettono gratuitamente le partite delle pay.tv vìolano le leggi del diritto d’autore. Da qui il provvedimento di sequestro preventivo

Avaxhome non si vede più, ecco perché

Il più celebre fra i servizi che raccolgono i link per scaricare illegalmente giornali e riviste dal Web viene oscurato su disposizione della Procura di Milano. Che ha imposto ai provider il blocco degli indirizzi IP del sito

Megaupload, diffuso il video dell'arresto di Kim Dotcom

A sette mesi dal blitz nella villa di Kim Dotcom, viene diffuso il filmato ripreso dagli elicotteri che hanno partecipato all’operazione. Sembra di assistere all’arresto di un boss del narcotraffico

Mega, ecco come Kim Dotcom risusciterà Megaupload

In attesa di capire se sarà estradato o meno, Kim Dotcom annuncia che entro la fine dell'anno lancerà Mega, una nuova piattaforma a prova di FBI

Commenti