Internet

L’uomo che si è "preso" google.com per un minuto

Un ex dipendente di Big G è riuscito ad acquistare il dominio del motore di ricerca rimasto inspiegabilmente libero. Ma la favola è durata poco...

Google Search

Roberto Catania

-

Per un minuto è stato proprietario dell'Url più importante del Pianeta. Sanmay Ved, un ex dipendente della grande G si è ritrovato in maniera fortuita (ma neanche troppo) ad avere in mano google.com, il dominio del popolare motore di ricerca.

Le parole più cercate su Google nel 2015


I fatti risalgono alla scorso autunno ma solo oggi veniamo a conoscenza di tutti i dettagli: ad esempio che Ved, ha trovato il dominio libero navigando all’interno di Google Domains, il servizio gestito da Mountain View per trovare e acquistare spazi web.

"Ho digitato google.com e, per mia sopresa, ho scoperto che il dominio era libero", spiega Ved sul suo profilo LinkedIn,precisando anche il prezzo dell’acquisto: 12 dollari. "Ho pensato a un errore, ma invece sono stato in grado di completare l'acquisto, tant’è che l’importo è stato effettivamente addebitato sulla mia carta di credito".

 

Sono bastati pochi secondi però perché tutto tornasse alla normalità. Dopo circa un minuto nella casella di posta è arrivata la mail con la cancellazione dell’ordine. "Ciò è stato possibile" - spiega ancora Ved - "in quanto Google è essa stessa proprietaria di Google Domain".

Perché Google ha dato un miliardo di dollari ad Apple


La società americana ha rivelato oggi che ha offerto al suo ex dipendente, dimostratosi a quanto pare particolarmente collaborativo, la ricompensa di 6.006,13 dollari, una cifra non casuale giacché nel cosiddetto linguaggio leet i numeri compongono la parola Google. Ma non solo. Big G ha deciso successivamente di raddoppiare l’ammontare dopo aver appreso dallo stesso Ved che l’importo sarebbe stato devoluto in beneficenza a una fondazione. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché Google ha dato un miliardo di dollari ad Apple

La transazione a nove zeri ha permesso a Big G di essere il motore di ricerca di default su iPhone e iPad

Google Chrome per iOS ora è più veloce, ma è il browser migliore?

La possibilità di utilizzare il miglior motore di rendering di Apple, consente al browser di Big G di competere ad armi (quasi) pari con Safari

Google: così ci restituirà 227 milioni di evasione fiscale

Confermate le prime indiscrezioni: questa la cifra indicata dalla verifica condotta dalla Guardia di Finanza. Ora dovrà essere firmato un accordo

Commenti