Mytech

Dodici oggetti tecnologici per nomadi digitali

A casa, in viaggio. Gli accessori giusti per rimanere connessi ed essere produttivi ovunque. Con stile

Tech-Sonos-apertura

Guido Castellano

-

Marco Morello

-

C’era una volta l’ufficio triste, un cubicolo polveroso con il tavolone scheggiato e il computer massiccio d’ordinanza, uno spazio monotono senza spiragli per nessuna personalizzazione. Complice la tecnologia, oggi il paradigma del rigore assoluto si sta spezzando in due direzioni: per prima cosa, la scrivania può essere arricchita e abbellita con tanti oggetti dalle funzioni plurime, l’ingombro minimo, il design accattivante che dà un tocco di stile all’ambiente. Si va dallo speaker intelligente di Amazon o di Sonos a cui dettare gli appuntamenti (e farseli ricordare al momento opportuno) tramite l'assistente vocale Alexa fino alla stampante di HP che si attiva dallo smartphone, rimuovendo l’obbligo di collegarla al pc tramite un filo. La seconda direzione ha un significato ancora più dirompente: la scrivania tradizionale non esiste più o meglio evade dal luogo singolo, si delocalizza, si smaterializza diventando ubiqua. È l’ufficio diffuso, la prassi per i nomadi digitali che si spostano da una capitale del mondo all’altra o, magari, una sede fissa ce l’hanno pure, però devono continuare a rimanere produttivi dappertutto. A casa come in un bar; in uno spazio di coworking o in un hotel, su un treno o un aereo durante una trasferta. Fuori orario, perché hanno clienti sparsi su più fusi orari.

 

Un popolo d'indipendenti

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istat e relativi al mese di gennaio, in Italia ci sono quasi 5,3 milioni di lavoratori indipendenti. Sono una popolazione stabile rispetto a dodici mesi fa (a voler essere fiscali l’aumento è stato dello 0,1 per cento). Soprattutto, sono i capi di sé stessi: possono, anzi devono organizzarsi per far funzionare il loro business in maniera indipendente, slegata dai riti e dalla fisicità di una classica multinazionale. Il loro bagaglio tecnologico non è un vezzo, l’ostentazione di uno status, ma uno strumento fondamentale di lavoro. Un kit che ha il pregio di stare in uno zaino, per essere tranquillamente trasportabile. In queste pagine trovate una selezione ragionata di attrezzi del mestiere. Qualunque nuovo mestiere, inclusi quelli che richiedono di creare contenuti fotografici e video.

Il design è il protagonista 

A una prima occhiata, gli oggetti sono quelli di un tempo, che conosciamo a memoria. La novità è che si sono evoluti sul piano del design, della maneggevolezza – e quindi portabilità – delle funzioni che possono svolgere contemporaneamente. Ecco il computer di Lenovo su cui preparare una presentazione, mostrarla ai presenti ribaltando lo schermo, appiattirlo per trasformare il notebook in un tablet e godersi film e serie tv in trasferta, magari per consumare un po’ il tempo durante un infinito volo intercontinentale. O il pc di Asus, con una genialata di serie: si preme un tasto sotto la tastiera e il touchpad, lo spazio su cui di solito si sposta il dito per far muovere il mouse, diventa un tastierino numerico, grazie al quale è una passeggiata completare un file Excel. Ovunque. Lo smartwatch di Huawei, rifinito come un orologio di alta gamma, consente di non perdersi nemmeno una notifica; lo smartphone Galaxy S10+ di Samsung è una saetta e, con un semplice cavo, si collega a un monitor e si converte in un computer da scrivania. Una comodità enorme per i viaggiatori seriali. Che possono concentrarsi meglio, eliminare le interferenze del mondo esterno, grazie alla cuffia di Sony che cancella i rumori molesti di sottofondo.

Mai più a corto di carica

Ma che succede se uno o più di questi dispositivi si scaricano? L’americana Away ha inventato la risposta: una linea di valigie resistenti, capienti e di stile, pensate su misura per un uomo dinamico e sempre produttivo. Aprendo uno sportellino sul retro, si accede a una tasca che nasconde una generosa batteria, con la quale ricaricare telefono, tablet, auricolari e dintorni. La batteria è rimovibile, così la si può portare con sé anche nello zaino o in una borsa. Scongiurando la paura peggiore del lavoratore nomade digitale: che il suo ufficio viaggiante si spenga.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Vi racconto il futuro del computer

Incontro con Gianfranco Lanci di Lenovo, che spiega quale sarà l'evoluzione del pc. E come avere successo negli affari con i cinesi

Parola d'ordine in tecnologia? Flessibile

Tv, smartphone, tablet; sul mercato stanno per arrivare i primi prodotti con lo schermo pieghevole. Una nuova rivoluzione

Tecnologia: come sarà la scuola del futuro

Robot che insegnano a programmare, social per insegnanti e studenti, software che scoprono chi copia. Viaggio nell'evoluzione dell'istruzione

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965