Sonos One
Casa

Sonos One, ora anche il multiroom si controlla con la voce

Grazie all’integrazione di Alexa e Google Assistant, gli altoparlanti della casa americana diventano recettivi ai comandi vocali

L’idea di un maggiordomo virtuale pronto ad ascoltare ed esaudire i nostri desideri è piuttosto stuzzicante. L'idea di parlare - letteralmente - con i nostri gadget i digitali ci piace, ma piace anche ai vendor di elettronica di consumo, mai come oggi smaniosi di sfruttare tutte le opportunità offerte dal controllo vocale e, più in generale, dalle interfacce “naturali”.

La cassa ti ascolta

A darci un saggio molto concreto di ciò che si può già fare combinato l’intelligenza artificiale a un oggetto hi-tech ci prova ora Sonos, con l’annuncio di un nuovo speaker “smart” controllabile per intero mediante comandi vocali. Sonos One, questo il nome del nuovo altoparlante è di fatto il primo prodotto della casa californiana a garantire la compatibilità con Alexa e Google Assistant, forse i due sistemi più collaudati per chi punta a dialogare con la tecnologia.

Si comincia con l’assistente virtuale di Amazon, il primo a essere supportato, poi - nel corso del 2018 - sarà la volta di Google e del suo Assistant. L'obiettivo, in entrambi i casi, è comune: dare agli appassionati di musica la facoltà di utilizzare la propria voce per controllare l’intero ecosistema Sonos, compresi i vari servizi musicali ad esso collegati. 

 

La differenza la fanno sei microfoni integrati

Visto da fuori, il nuovo Sonos One è simile in tutto e per tutto all’attuale Play:1, ma con due aggiunte sostanziali: un set di 6 piccoli microfoni che permettono l’ascolto in continuo della voce e un algoritmo per la cancellazione del rumore di fondo. Grazie a questi innesti, lo speaker è in grado di sentire nitidamente la voce del padrone (anche quando la musica è in esecuzione) e in particolari tutti quei comandi - come "metti in pausa", "salta", "alza/abbassa il volume", piuttosto che domande relative alle tracce in riproduzione - che normalmente vengono impartiti tramite touch-screen. 

Oltre all'ascolto musicale, il nuovo speaker Sonos è in grado di offrire tutte quelle funzioni tipiche di Alexa e, più in generale, del mondo degli assistenti intelligenti: si va dal meteo alle notizie, dalle informazioni sul traffico alle partite in tempo reale, il tutto - ovviamente - raccontato a mezzo vocale. 

Presto anche il supporto ad Apple AirPlay 2

Il controllo vocale Alexa per Spotify arriverà su Sonos One appena dopo il lancio (previsto per il prossimo 24 ottobre), per tutti gli altri servizi integrati nell’interfaccia Sonos - fra cui Amazon Music, iHeartRadio, Pandora, SiriusXM e TuneIn - sarà comunque possibile avviare il controllo vocale partendo dall’applicazione Sonos.

Sonos ha inoltre annunciato che nel 2018 inizierà a supportare Apple AirPlay 2, così da consentire la riproduzione di qualsiasi contenuto audio (inclusi video di YouTube e film di Netflix) proveniente da iPhone e altri dispositivi iOS. A ciò si aggiungerà il controllo vocale via Siri, funzione che oggi è riservato al solo streaming proprietario (Apple Music). 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nuovo Sonos Play:5, la recensione

Prime impressioni sull'ultimo speaker senza fili della casa americana. Il primo già ottimizzato per i futuri sviluppi della tecnologia TruePlay

Commenti