Dropcam, ecco perché Google vuole diventare (anche) l'antifurto di casa

Google starebbe cercando di rilevare una startup specializzata in sistemi antifurto. Una strategia ottima per piazzare i propri occhi nelle case degli utenti

Dropcam

– Credits: Dropcam

Fabio Deotto

-

Preparatevi, la prossima battaglia in campo hi-tech si svolgerà in casa. E per casa intendo casa vostra, le vostre quattro mura, il nido che avete costruito con anni di sacrifici. Mentre Apple si accinge a mostrare al mondo la sua idea di casa “smart”, in cui l'iPhone diventerebbe una sorta di telecomando multiuso, Google a quanto pare sta lavorando dietro le quinte per portarsi a casa un’altra importante acquisizione , quella di Dropcam.

Dropcam è una startup specializzata in sistemi di sicurezza per la casa. Sostanzialmente, il suo pacchetto include una serie di videocamere da piazzare nelle varie stanze della tua abitazione, che provvedono a registrare ad alta definizione qualsiasi movimento sospetto e, tra le altre cose, sono in grado di distinguere tra un gatto che salta giù dal tavolo della cucina, e un ladro che cerca di scassinarti la cassaforte che nascondi dietro la credenza. Oltre a questo, Dropcam ha da poco aggiunto al pacchetto le Tabs (delle tavolette della dimensione di una chiavetta USB) che possono essere attaccate a porte, tende, finestre, e sono in grado di registrare qualunque tipo di movimento e di comunicarlo via bluetooth al sistema centrale.

Considerando che da poco Google ha acquisito Nest, una startup specializzata in smart-termostati e rilevatori antifumo, la possibile acquisizione di Dropcam non dovrebbe stupire. E infatti, a pensarci bene, dal punto di vista di Google, è l’uomo di colombo: come fai a introdurre i tuoi occhi nelle case degli utenti senza apparire come un avvoltoio affamato di dati sensibili e nemico della privacy? Semplice, ti cammuffi da esperto di sicurezza e tappezzi quelle case con le tue telecamere connesse.

Sembra la trama di un thriller fantascientifico, vero? Non preoccupatevi, è solo la solita strategia pubblicitaria di Big G.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Google compra Nest e entra in casa

Con 3,2 miliardi di dollari, Google ha rilevato Nest, azienda specializzata in termostati intelligenti e allarmi antifumo. Secondo alcuni vuole lanciare un nuovo sistema di gestione energetica. Secondo altri rincorre sempre la solita lepre: la pubblicità personalizzata

Ecco perché Google ha bisogno di mandare Apple in rovina

Basta dare un'occhiata alle ultime acquisizioni per capire che Google sta cercando una fonte di introiti diversa dalla pubblicità, oltre a un sistema per affossare Apple

Commenti