Bitride
Mytech

Bitride: come funziona il bike sharing per il noleggio delle bici elettriche

Tutto sul nuovo servizio per il noleggio di e-bike a Milano. Al debutto (in via sperimentale) a inizio 2018


Non c’è due senza tre. Dopo Mobike e Ofo Milano è pronta ad accogliere il terzo operatore di bike sharing free floating. Si tratta di Bitride, servizio per il noleggio di bici elettriche nato da una joint venture fra Vodafone e uno spin off del Politecnico di Milano (Zehus), che farà il suo debutto nel capoluogo meneghino a inizio del prossimo anno.

A prova di furto (e atto vandalico)

Poche ma buone le informazioni filtrate finora. Si sa, ad esempio, che anche questo sarà un servizio free floating, ovvero privo di rastrelliere, ma con alcune caratteristiche distintive che mirano a risolvere piccoli e grandi difetti palesati dal bike sharing sul territorio italiano nei suoi primi mesi di vita. Uno su tutto, il vandalismo.

Le biciclette di Bitride si caratterizzeranno infatti per la presenza di una serie di sensori, fra cui una vera propria scatola nera, sviluppati per registrare eventuali incidenti, spostamenti o tentativi di furto e comunicarli a un servizio di assistenza attivo 24x7. 

Il motore si ricarica con la frenata

Le bici elettriche di Bitride saranno di colore verde nero, con ruote piene, freni Shimano e un particolare sistema di pedalata assistita che sfrutta un motore che non ha bisogno di essere ricaricato. Ciò è dovuto a una tecnologia che è in grado di ricaricare la batteria in pedalata (nella fattispecie in tutte quelle fasi che prevedono poco sforzo e un'alta cadenza delle pedalate) e di convertire la frenata in energia.

Il servizio partirà il prossimo anno in via sperimentale sfruttando la collaborazione di un centinaio di volontari (scelti fra studenti, dottorandi, docenti e personale amministrativo del Politecnico) che utilizzeranno le prime bici messe a disposizione del servizio (si partirà con 300 unità) all’interno di un’area limitata di Milano.

Sul piano dell’esperienza d’uso, Bitride sfrutta una comune applicazione scaricabile da smartphone. Le bici potranno essere prelevate e lasciate in qualsiasi punto, ma per evitare il parcheggio selvaggio, la società sta lavorando su un sistema di gamification che punta a incentivare gli stessi utenti a riposizionare i mezzi in posizioni consone.

Per saperne di più

Ofo o Mobike: quale bike sharing scegliere?

Bike sharing a Milano: ecco perché sarà un successo

© Riproduzione Riservata

Commenti